Zinco, proprietà e come assumerlo

0
218

Lo zinco al potere

E chi lo dice che oltre alle erbe e agli ingredienti naturali di derivazione organica o vegetale non possano esserci dei minerali dalle grandi qualità benefiche? Eccone uno, per la verità non il solo minerale dalle funzioni importanti, ma uno di quelli maggiormente apprezzati. Parliamo dello Zinco.

Si tratta di un minerale importante per l’organismo, essendo coinvolto in tante funzioni come quella metabolica e immunitaria. Risulta quindi importante assumere tutti quegli alimenti che ne contengono in buona quantità in modo da integrarlo, considerando che è comunque presente in basse quantità nell’organismo.

Lo zinco interviene in tutte le fasi della vita fornendo la spinta necessaria a molte funzioni dell’organismo. Eppure sembra che l’anemia, ovvero la carenza di questo minerale, sia molto diffusa in tutto il mondo, soffrendone una persona su tre. I motivi sono diversi, uno può essere l’età avanzata, che può portare ad un minor assorbimento della sostanza.

Oltre all’età ovviamente tutti gli esperti del settore sono concordi che incida l’alimentazione, ovvero la scarsa assunzione di cibi ricchi di zinco, ma anche abbinamenti che ne riducono l’assunzione.

Cibi come cereali e legumi che sono ricchi di fitati, ad esempio, riducono l’assorbimento dello zinco fornito da eventuali cibi ricchi di questo minerale a loro abbinati. È bene quindi evitare per chi è carente di zinco e vuole integrare con alcuni cibi ad alto contenuto di abbinarli a questi ultimi.

In linea di massima si potrebbe comunque provare a ridurre il contenuto di fitati nei legumi mettendoli in ammollo in acqua prima di procedere con la cottura.

In condizioni normali ogni uomo adulto dovrebbe assumere 14 mg al giorno di zinco. Una donna adulta poco meno. Le dosi aumentano per atleti ma soprattutto per le donne in gravidanza e allattamento.

Proprietà 

Diverse sono le proprietà dello zinco:

  • Rafforza il sistema immunitario, aiutandolo soprattutto nel contrastare raffreddori e sindromi influenzali e da raffreddamento. Lo zinco infatti aiuta la produzione delle cellule del sistema immunitario, in particolare globuli bianchi, che difendono l’organismo dall’attacco di virus e batteri e germi patogeni;
  • Interviene nella regolazione del metabolismo aiutando la forma fisica attraverso la regolazione degli ormoni. Con lo zinco infatti si ha una migliore modulazione dell’insulina, l’ormone che, se in eccesso, finisce per portare ad un aumento di peso provocando veri e propri attacchi di fame. Ma oltre a modulare l’insulina lo zinco aumenta anche i livelli di leptina, ormone che ha l’effetto di indurre sazietà;
  • Lo zinco aiuta un corretto funzionamento della tiroide partecipando alla sintesi della tiroxina (T4) e della triiodotironina (T3), ormoni tiroidei coinvolti nel metabolismo»;
  • Porta il buon umore favorendo il funzionamento del sistema nervoso, favorendo la formazione dei neurotrasmettitori celebrali (soprattutto la serotonina), che a loro volta facilitano la comunicazione tra le cellule nervose;
  • Facilita il sonno, essendo parte integrante nella produzione della melatonina, l’ormone addetto al ritmo sonno-veglia.
  • Ha effetto anti età, essendo un ottimo antiossidante utile contro i radicali liberi da stress ossidativo;
  • Favorisce la formazione di fibroblasti, collagene e cellule della pelle. Derma e capelli ne vengono rinforzati.

Ma come assumere zinco? Dicevamo che cereali e legumi lo contrastano. Ma c’è la possibilità di ovviare mettendoli a bagno prima della cottura. Quindi in linea teorica anche chi segue una dieta vegetariana o vegana può provare ad assumere zinco tramite alimenti.

Le maggiori fonti alimentari ( integratori a parte si intende ) di zinco, sono gli alimenti di origine animale come carne bianca e rossa, uova, crostacei cari e tutti i latticini.

Tutti dovrebbero provare ad integrare il proprio zinco, con alimenti oppure integratori, l’importante è il risultato.

L.D.