Yerba Mate

0
692

La yerba mate è la pianta da cui si ricava il tè mate attraverso l’infusione delle foglie. Si tratta di una pianta dalle importanti qualità tra cui quella di essere saziante. Le popolazioni dell’America Meridionale apprezzano questa pianta da secoli con le sue molteplici proprietà benefiche.

La Yerba mate (Ilex paraguariensis), anche detto Cimarrón, è un sempreverde, della famiglia delle Aquifoliacee. È originario del Brasile e del Paraguay ed è diffuso in America Latina. Come albero può crescere fino a 20 m di altezza.

Il suo habitat spontaneo è in Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay. In questi luoghi la tradizione dello Yerba Mate è stata trasferita dagli indios guarani agli spagnoli durante la colonizzazione.

Le foglie sminuzzate sono utilizzate da sempre dalla popolazione indigena per la preparazione di un infuso chiamato mate. I nativi bevono il mate in una calebassa che altro non è che una zucca vuota. Lo fanno servendosi di una cannuccia metallica o di legno, dotata di un filtro ad una estremità chiamata bombilla.

La parola mate in spagnolo significa “zucca vuota” e si riferisce al piccolo recipiente, una zucca svuotata ed essiccata, in cui tradizionalmente viene servito il tè.

Attualmente il mate si conferma un infuso molto popolare nei paesi dell’America Latina, soprattutto in Uruguay, dove è bevuto quotidianamente da gran parte della popolazione. In paesi come l’Argentina, incluso nella sua capitale Buenos Aires, bere il mate è un rito quotidiano in quasi tutte le famiglie un pò come per gli italiani bere una tazza di caffè o per gli inglesi il tè.

Proprieta

La Y.M. è molto apprezzata come bevanda stimolante. Nomi alternativi della bevanda sono “Tè del Paraguay” o “Tè dei Gesuiti” (a cui si deve la diffusione in Europa della pianta).

Le proprietà della Yerba Mate sono parecchie e ciò la rende una pianta piuttosto ambita specie da chi conosce le sue qualità. Si può consumare sotto forma di tè mate o come infusione. Comunque sia le proprietà sono:

Saziante: L’erba Mate ha un effetto saziante, per questo viene spesso associata alle diete. Questo perchè favorisce l’aumentare del metabolismo corporeo e aiuta a eliminare grassi e calorie in eccesso.

Diuretica: Lo Y.M. favorisce l’espulsione di tossine ed altre sostanze di scarto dell’organismo. Questa caratteristica la rende indicata per la prevenzione della formazione di calcoli. Infatti l’infuso di questa erba è ricco di polifenoli, che svolgono un azione antiossidante sulle cellule dell’organismo.

Stimolante: La yerba mate viene utilizzata  per incrementare la stimolazione mentale ed è anche una valida alternativa al caffè  L’Erba Mate contiene una sostanza simile alla caffeina, la mateina, che stimola il sistema nervoso migliorando le attività mentali e le energie.

All’interno dello yerba mate ci sono: caffeina, teobromina, tannini, minerali (particolarmente abbondante è il potassio), vitamina C, alcune del gruppo B e la vitamina J conosciuta anche col nome di colina. Sono presenti anche steroli simili all’ergosterolo e al colesterolo e alcune saponine presenti nella foglia.

Digestiva: Le saponine, appunto, sono elementi chimici dalle attività farmacologiche, tra cui l’azione di stimolante del sistema immunitario e il miglioramento della digestione, velocizzando il passaggio del cibo nello stomaco e nell’intestino, creando una sensazione di sazietà e fornendo energia efficace e veloce.

Metabolica: La yerba mate contribuisce a diminuire il tasso di colesterolo e la glicemia. Con la y.m. si può accrescere la circolazione sanguigna nell’organismo e l’apporto di ossigeno al cuore grazie alla presenza di teofillina che stimola il muscolo cardiaco.

Poi ci sono i componenti naturali delle foglie di yerba mate (le xantine in essa presenti, ovvero teobromina, caffeina e teofillina). Queste hanno un effetto diuretico ed eliminano i liquidi in eccesso.

Ma non solo, questi principi hanno anche altre azioni come quelle di stimolare il sistema nervoso centrale, rilassare i muscoli molli (specialmente il muscolo bronchiale), stimolare la valvola miocardica e la vasocostrizione periferica.

La Yerba Mate è anche un energizzante naturale raccomandato alle persone che praticano molte attività fisiche o sportive. La sua assunzione rallenta la produzione di acido lattico nei muscoli e consente di praticare un’attività fisica per più tempo.

Ansiolitica: Riduce significativamente l’ansia, migliorando l’umore specie nei casi di depressione.

Infine i principi attivi in essa contenuti sono in grado di debellare le cellule cancerogene responsabili del tumore al colon, portandole letteralmente alla morte.

Ovviamente lo Y.M. non sostituisce ma coadiuva la medicina, specie per quanto concerne le patologie serie, ma le tante funzioni positive di questa pianta la candidano come un buon rimedio che la natura ci offre per molti disturbi.

Uso

L’uso più noto è quello alternativo al caffè, una forma sana e ricca di caffeina. Gli effetti della caffeina però durano più a lungo rispetto a quelli del caffè e hanno meno effetti collaterali.

Per la produzione del mate si recidono le parti terminali dei ramoscelli e le si espongono al calore per inattivare gli enzimi; in questo modo è possibile preservare il colore verde delle foglie, che vengono poi essiccate e spezzettate, quindi usate per preparare infusi. 

La bevanda di yerba mate può essere preparata come un normale tè, lasciando cioè in infusione per alcuni minuti le foglie in acqua bollente e filtrando poi il liquido.

Il dosaggio raccomandato di yerba mate varia da individuo a individuo e dipende anche dalle modalità attraverso le quali si assume tale sostanza, in quanto esistono supplementi di pillole, di polveri o di tè che derivano direttamente dalle foglie della pianta. Per questo, almeno che non la si assuma come tè o bevanda quotidiana in dosi “normali”, va prescritta da uno specialista e non con un “fai da te”.

Generalmente, la forma standard per quanto riguarda le pillole e la polvere è compresa tra i 2 e i 3 grammi di sostanza, da consumare con un abbondante bicchiere di acqua.

Per quanto riguarda il tè invece, per beneficiare dei vantaggi della yerba di mate sono necessarie 2 o 3 tazze di liquido al giorno a temperatura ambiente. Per infusi la si trova  sotto forma di
foglie essiccate e sminuzzate, indicate per tisane o in bustine di filtro con dosi consigliate di 2-4g (divisa in 3 infusi da assumere in momenti diversi della giornata).

Preparazione: versare una tazza di acqua bollente sul preparato e lasciare in infusione per 5-10 minuti, quindi filtrare e bere.

Un’infusione breve è meno astringente, ha un sapore migliore e conserva comunque una buona capacità stimolante (poiché la caffeina viene estratta più velocemente rispetto ai tannini).
estratti secchi ottenuti dalle foglie e titolati in caffeina o in acido clorogenico; rappresentano la scelta migliore per trattamenti prolungati. In questo caso sono disponibili sotto forma di compresse o capsule con dosi consigliate di 3g divisi in 2 o 3 assunzioni.

L.D.

Lodame servizi