Voglia di dolcezza

0
1490

Voglia di dolcezza

Dio impiegò sei giorni a creare tutte le meraviglie.
Il settimo, fu di riposo. Quel giorno seduto comodamente su una roccia,
elogiò il creato ammirandone la possente bellezza;nacque così “il poeta” e la poesia della terra.
Non contento però della poesia in quel silenzio,diede gran voce al coro dei ruscelli ,alla dolcezza del vento ,ed alla sua allegra follia nel fruscio delle foglie,
regalò il cinguettio dell’usignolo ai rami degli alberi
e in lontananza il frastuono, alle onde del mare. E diede voce potente ai tuoni del suo cielo affinché i lampi accendessero luci a festa e la pioggia accompagnasse la melodia col ticchettio alle diverse armonie. Si accorse soddisfatto di aver dato voce e suono alla terra e la chiamò musica…
cosicché , una fosse contemplazione e l’altra…la sua anima !

Anna Maria Cartisano

La poesia ha partecipato al contest letterario a premi sezione poesie Lo Scrivo Da Me del 30 settembre.