Vera Forseundì

0
861
©Bistro: Vera Forseundì. 35 x 25 cm. Tecnica mista: matite, acrilico, olio e gessetto su cartoncino nero.

 Vera Forseundì

©Bistro: Vera Forseundì. 35 x 25 cm. Tecnica mista: matite, acrilico, olio e gessetto su cartoncino nero.

-Piacere, Vera Forseundì.-

-Piacere mio, …-

-Federico, sì, lo so.-

Rimasi lì, immobile, ammutolito. Lei mi sorrise teneramente compiaciuta.

-Quindi, ragazzo, non ti piace l’estate?-

-In verità la amo molto… certo al momento preferirei essere in riva al mare, fra ombrelloni e castelli di sabbia.-

-Io preferisco i castelli in aria.-

-Perché?-

-Il cielo rispetto alla terra è una superficie molto più estesa sulla quale edificare i propri sogni, non credi?-

-Però a volte rischiano di essere troppo grandi. E guardandoli crollare l’aria si fa troppo pesante…-

-Lo so bene. Ma anche da quelle macerie si impara ad affinare la tecnica per costruirli sempre più saldi.-

-Come fai ad essere così ottimista?-

-Ragazzo, i desideri li ho inventati io.-

 

Tratto da “Vera Forseundì”, testo di Federico Morando

Bistro (Federica Consogno) Pagina Facebook ufficiale

Federico Morando Pagina Facebook ufficiale