Vago d’essenza

0
1565

Vago d’essenza per licenza d’esistere,

senza alcun impeto di traguardo.

Non osservo il mondo per pura prassi,

ma lo respiro senza evidenziarlo.

Il brivido sotto pelle, nasconde

l’essenza di vita per cui vago

alla ricerca del brivido della libertà…

di respirare il mare, la calma di un tramonto

spiazza l’anima che persa si volta a guardarsi;

nuda come la vetta di un monte senza neve in gennaio,

placa ogni impulso malsano di mancanza profonda.

Esistere è questo, amare la propria anima, parlare con lei.

 

Lorenzo Dati