Una lunga estate crudele

0
151

Continua la lettura dei romanzi della serie “L’Allieva”, dell’autrice Alessia Gazzola, con “Una lunga estate crudele“.

A tenere alta l’attenzione del lettore, questa volta, è il ritrovamento dello scheletro di un attore teatrale che si scoprirà essere stato ucciso parecchi anni prima.

Oramai conosciamo bene la giovane specializzanda Alice Allevi e la sua passione sfrenata per i misteri.

La sua curiosità elevata all’ennesima potenza, la porta a porsi mille domande, a scandagliare ogni dettaglio per scovare la verità. E le sue intuizioni sono quasi sempre vincenti! Lo sa bene l’ispettore Calligaris che l’ha “assunta” come collaboratrice.

Dal punto di vista della medicina legale, invece, Alice è la solita distratta, combina guai, poco attenta ai lavori che le vengono assegnati. Non sembra migliorare nemmeno ora che le hanno affidato la supervisione di una giovane specializzanda.

Per quanto riguarda i sentimenti, Alice continua a barcamenarsi tra l’innominabile Arthur. Da lui tornerebbe senza esitazione, sapendo di rimanerci male per il suo carattere sfuggente. E poi l’irraggiungibile Claudio, affascinante, arrogante e troppo sicuro di sé che vorrebbe una storia senza impegnarsi. Infine, Sergio, un uomo perbene – forse troppo – gentile, affidabile e premuroso.

Scegliere… quanto può rivelarsi difficile? Alice è una ragazza sognatrice che vorrebbe al suo fianco il principe azzurro. Sogna un matrimonio da favola, una famiglia calorosa, unita… Il suo sogno, al momento, pare difficile da raggiungere e ciò la porta in una situazione di perenne insofferenza.

I suoi sogni, in effetti, sono i sogni di tante ragazze… avere un uomo fidato e affidabile al proprio fianco, dal quale sentirsi amate, protette e con il quale poter condividere tutto. Un uomo con cui affrontare insieme gli ostacoli che si incontrano, ridere o piangere abbracciati, avere un porto sicuro dal quale ritornare la sera, magari dopo una lunga ed estenuante giornata lavorativa…

La stabilità, in effetti, la ricerchiamo un po’ tutti e non poterla raggiungere per pensieri divergenti, fa male. Forse non è ancora arrivato il momento per Alice di trovare l’anima gemella?

Alessia Gazzola è davvero molto brava, una scrittrice con la “S” maiuscola, molto promettente, che sa come coinvolgere il lettore.

Offre descrizioni particolareggiate, incalzanti, casi intriganti e complicati e sa come tenerci sulle spine fino all’ultima parola!

Elvira