Una città sommersa nel lago di Arenal

0
316
C’è un mistero che aleggia nei secoli e forse mistero non è, ma semplicemente un mito causato dalle centinaia di città scomparse in giro per il mondo che da sempre esercitano fascino e curiosità.
 
Sicuramente la più nota, ma anche misteriosa è la mitica città di Atlantide, che ancora oggi è oggetto di studi, ricerche, supposizioni, senza di fatto ancora sapere dove si trovasse la città mitologica per eccellenza. Tuttavia di città mitologica ce ne è una di cui si conoscono perfettamente le coordinate geografiche; la città del lago di Arenal in Costa Rica.
 
La chiamano l’Atlantide del Costa Rica e si trova
nelle profondità del lago Arenal, ai piedi del maestoso e attivo vulcano, in silenzio dal 1968.

Tuttavia questa città sommersa non fu distrutta né da un terremoto né da uno tsunami, come forse la mitologica Atlantide.

Cosa accadde? Accadde che nel 1973 la compagnia elettrica locale (I.C.E.) decise di costruire una diga allo scopo di produrre energia pulita vhe soddisfasse le richieste degli Stati del Guanacaste, di Puntarenas di Limón. Ad essere sacrificato fu il villaggio di Arenal che si trovava sotto il vulcano. Anche i piccoli abitati di La Tronadora, La Argentina e Pueblo Nuevo furono invasi dall’acqua e scomparvero negli abissi.

Un destino capitato a tanti piccoli paesi nel mondo. Qui erano circa 2.500 gli abitanti che dovettero rassegnarsi ad andarsene per essere ricollocati nelle aree circostanti.

Tra il 1978′ e il 1979 si svolsero i lavori con il Costa Rica che abbe in dote il lago artificiale più grande del Centro America, ovvero 85 chilometri quadrati d’acqua profondi a seconda delle stagioni dai 30 ai 60 metri. Qui ci sono in effetti due stagioni; quella delle piogge e quella secca in cui però ramente si rimane completamente a secco di piogge, fatto sta che dalle acque del lago, a volte, emerge il paese sommerso.

A spuntare non appena l’acqua scende è il campanile della chiesetta di turno, poi spuntano le case e il piccolo cimitero. Alcuni tour operator locali hanno pensato bene di organizzare immersioni sotto il lago a caccia del grande paese sommerso. Grazie al sacrificio degli abitanti del paese, il lago Arenal copre il 70% del fabbisogno di corrente elettrica del Paese ed è diventata una vera attrazione turistica grazie ai vari sport acquatici: navigazione, pesca, canoa, kayak, windsurf e altri sport

A osservare il lago dall’alto, il vulcano Arenal, il più attivo della Costa Rica, la cua sommità fù scalata per la prima volte nel 1937, quando si riteneva che il vulcano fosse spento finché nel 1968, dopo un forte terremoto, il vulcano iniziò ad eruttare dopo 400 anni continuando fino ai giorni nostri.

Alle pendici del vulcano troviamo anche le terme, ornare da bellissime varietà di fiori tropicali e piante di rara bellezza. Lo stesso vulcano è ricco di sorgenti sulfuree che creano molti rivoli intorno alle pendici. Il vulcano è un’altra attrazione ed è  visitato dai turisti di tutto il mondo.

L.D.