Un sogno di me e di te

0
1129

di Rosella Lubrano

Appesi a un raggio di luna
dondoliamo nell’ infinito,
noi, schegge di luce,
frammenti di eternità,
noi, vestiti di stelle
sulla rotta delle Pleiadi,
gocce di emozioni
incastonate in un cammeo
di giada.
Io e te,
volteggianti
in quest’ immensità
che ci rende vivi
che ci accarezza
come all’ aurora
fa la brezza
in un mattino di primavera.
Respirami,
vivimi,
rubami,
occhi negli occhi,
pelle su pelle,
nel tuo morire di me
in questa notte
che è solo nostra.