Torna Teresa Greco con “Scacco Matto- io ho scelto noi”, il sequel del fortunato romanzo erotico “Sotto scacco”. Recensione e intervista all’autrice.

0
1807
Scacco Matto, nuovo libro di Teresa Greco
Copertina del secondo romanzo di Teresa Greco.

Copertina del secondo romanzo di Teresa Greco.Dopo il grande successo di “Sotto scacco”, Teresa Greco il 10 giugno 2017 è tornata con il sequel, dal titolo “Scacco Matto- io ho scelto noi”. Come il precedente romanzo erotico, anche questo si è confermato tanto atteso dalle lettrici, curiose di sapere come andasse a finire la storia tra Alex e Nicole, i due protagonisti, e ha scalato repentinamente le classifiche di Amazon, occupandone i primi posti della letteratura erotica. Un self publishing andato a buon fine, che sta vantando notevole successo e numerevoli recensioni a 5 stelle, sulle piattaforme di vendita. Così, dopo soli sei mesi, il continuo di “Sotto scacco”, soltanto due settimane dalla sua pubblicazione, ha già fatto il boom vendendo centinaia di copie. Nel primo volume abbiamo conosciuto Nicole, una studentessa italiana di Psicologia e Alexander, un laureando in Economia che come lei, la notte lavora in una casa di appuntamenti, la Chess House, nel quartiere a luci rosse di Amsterdam. Di giorno hanno una vita simile a quella di molti ragazzi della loro età e di notte, invece, si trasformano in sensuali venditori di sesso e piacere, sotto il nome di Regina Bianca lei e Torre Nera lui e usufruendo di camuffamenti per nascondere la loro identità. Nicole e Alex vedono la loro storia sbocciare tra i banchi di una biblioteca e ignorano a vicenda l’esistenza dell’ alter ego dell’altro, cosa che poi, una volta venuta alla luce, porta i due protagonisti a interrompere la loro relazione. Nicole, infatti, non accetta che dietro i modi burberi, violenti e tenebrosi di Torre Nera ci sia il suo dolce e premuroso Alex. Perché il suo ragazzo, pur riconoscendola, non le ha rivelato la verità? Perché le ha fatto conoscere solo la sua parte più “pulita” e positiva? Con questi interrogativi e con tali premesse l’autrice dà il via all’avvincente “Scacco matto”, svelando a poco a poco verità nascoste e molto lontane, che riguardano il protagonista maschile, Alex Jones, nonché figlio adottivo dell’imprenditore senza scrupoli Herbert Robinson. Perché Torre Nera non ha svelato da subito la sua vera identità alla fidanzata? E perché nonostante la ami e voglia vivere con lei una quotidianità fatta di piccole cose e gesti semplici, continua a prostituirsi alla Chess House? Cosa si nasconde dietro quel carattere così testardo, cocciuto e inquieto di Alexander, alias Torre Nera? Alex si ritroverà a dover guardare in faccia il suo passato, a farlo riemergere dagli anfratti più remoti del suo inconscio, per rivelarlo alle persone che più ama, Nicole e sua sorella Christel, per non perderle e che ha tenuto sempre all’oscuro pur di proteggere. Alex si ritroverà davanti a un bivio, dove dovrà scegliere se continuare la sua vita a metà, in un inferno senza fine o se iniziare, finalmente, un nuovo capitolo della sua esistenza, dando spazio anche a sé stesso e alla sua felicità che, come un petalo di tarassaco, si presenta tanto bella quanto fragile e instabile. Un romanzo che parla di violenza, abusi, corruzione, prostituzione, disperazione e impotenza rispetto alla prevaricazione dei potenti, che riescono a farla sempre franca grazie ai loro nomi altisonanti e al loro sporco denaro. Una storia che lascia uno spiraglio di speranza a sentimenti più nobili come l’amore, in primis e l’amicizia poi, che fungono come ancore di salvataggio nelle vite tormentate e infernali dei protagonisti. Un amore che non molla il colpo, che vuole mostrarsi più potente del nemico e lottare fino in fondo, per averla vinta sulle tenebre, anche a discapito della propria vita. Voglia di riscatto, voglia di emergere dalle catene della schiavitù per vivere dignitosamente, nonostante il passato abbia spesso un grande peso su di Alex, perché c’è sempre tempo per cambiare il nostro destino e la nostra rotta, virando verso un futuro più luminoso. 13 capitoli che alternano il punto di vista di Alex e di Nicole, una storia narrata a due voci e in prima persona, rendendo così al lettore più chiari i diversi punti di vista e il differente modo di sentire le cose, offrendo la loro anima più profonda. Pagine ricche di sentimenti struggenti, scene erotiche esplicite, colpi di scena al cardiopalmo descritte magistralmente dalla penna fantasiosa della Greco, che fino alla fine lascia tutti col fiato sospeso, protagonisti compresi, rimettendo di volta in volta in scena nuovi ostacoli e nuove soluzioni per un finale con i fiocchi.

 

Teresa greco è nata a Vicenza nel 1989 e vive a Lecce. Da ragazzina la sua passione per la scrittura si è esternata principalmente attraverso il desiderio di raccontare storie, tramite il disegno e i fumetti. Più tardi, al tempo del liceo, con l’avvento di Internet e di vari forum tematici, ha dato forma alla sua immaginazione, scrivendo e pubblicando piccole fans fiction molto seguite. A questa fase creativa ha fatto seguito una di fermo, dove la scrittrice salentina si è trovata a scegliere sul suo futuro. Ha conseguito così un diploma di estetista che le ha permesso di fare esperienza in questo settore, per poi riprendere, da pochi mesi, ciò che davvero l’ha sempre fatta sentire sé stessa ossia la scrittura. Così è iniziata l’avventura con “Sotto scacco”, nata quasi per gioco, a livello amatoriale, che l’autrice ha pubblicato solo in seguito, spronata dalle sue più care amiche.

 

DOMANDA: Teresa, ancora un caso di self publishing fortunato (vedi Anna Premoli). Ti aspettavi un simile successo?
RISPOSTA: Non mi aspettavo affatto questo successo anche perchè sapevo ben poco del mondo dell’editoria. I miei primi passi in questo mondo sono stati incerti ed anche difficili. Non ero partita bene, ma per qualche strana ragione all’improvviso ho ingranato.

D: Pensi un giorno di pubblicare con una casa editrice o preferisci continuare con l autopubblicazione? Hai avuto già delle proposte?
R: Sinora non ho ricevuto proposte dalle CE ma come autrice auto prodotta mi trovo molto bene. Non so se cambierei questa condizioni, diciamo che ne deve valere la pena.

D: Senza svelare troppo, in questo romanzo ci sono delle crude realtà, ma i sentimenti positivi sono quelli che ci salvano sempre, anche nelle nostre vite. È questo uno dei messaggi che volevi lanciare ai lettori?
R: Sì, mi piace pensare che per quanto possa essere vuoto e crudele il mondo, gli affetti e l’amore sono la chiave per la salvezza delle persone.

D: Hai pubblicato “Sotto scacco” e “Scacco matto-io ho scelto noi” in meno di un anno entrambi. Quanto tempo hai impiegato invece a scriverli?
R: Per scriverli ho impiegato 5-6 mesi ciascuno, entrambi comunque mi hanno impegnata quasi per un anno. Era i primi di agosto quando ho iniziato a scrivere “Sotto Scacco”.

D: Ci sarà un continuo? Che progetti hai per il futuro?
R: Ci sono dei progetti ed ho intenzione di riportare Nicole ed Alex, però per ora non vi svelo in che modo.

D: Hai tempo per leggere? Quali sono i tuoi autori preferiti? Ti sei a qualche scrittore in particolare nei tuoi romanzi?
R: Il tempo per leggere me lo ritaglio quando scrivo. Al momento sto leggendo il romanzo self di una collega, Alessandra Magnoli, ma nelle letture del mio cuore ci sono la Rowling, la Hamilton, Sparks e Sylvia Kant.
Non mi ispiro a nessuno quando scrivo, perchè cerco di essere fedele soprattutto a me stessa. Ho sempre avuto un’immaginazione di un certo tipo e mi piace l’idea di lasciare un’impronta tutta mia. L’ispirazione la prendo solo e soprattutto per migliorare il mio stile di scrittura.

Scacco Matto, nuovo libro di Teresa Greco
Copertina del secondo romanzo di Teresa Greco.