venerdì, febbraio 28, 2020
Tags Poesia

Tag: Poesia

Crepaccio

Crepaccio Di Maria Rosa Oneto La scrivania, addossata alla finestra, rubava colori e brividi di cielo ad un'alba appena iniziata. Nella cernita dei pensieri, rivivevano: amori, serate estive, scampoli di un tramonto che parava infinito, oltre...

Sono come tu mi vuoi

SONO COME TU MI VUOI I Sono nuda, (sono come tu mi vuoi), davanti al tuo specchio mi spoglio, sono il riflesso delle tue brame, nel letto disfatto delle tue inconfessabili...

Non ho rami

Non ho rami, ma solo radici. Non ho germogliato fresca di primavera. Nessuna foglia tenera di quel verde bambino che ti toglie il fiato quando lo vedi e dici "...

Sinfonia

Sinfonia Di Maria Rosa Oneto  Non morirò all'alba che odora di ginepro, al ballo delle streghe sull'uscio di casa. Vestiro' il tramonto di fiori d'organza: veli effimeri ove posare i silenzi, e restare appesa a rami...

Mi ha guardato la luna

Mi ha guardato la luna verità di passaggio per non essere colta. Così dentro al notturno sono svanite le ombre scivolando sul corpo come l’acqua sul marmo della statua assetata nel giardino...

Gli scontrosi

Gli scontrosi Solitaria nel pensiero e nella parola. Arzigogolo nel vuoto alla ricerca di un salto in un buio ancora più lontano. La traccia potrebbe essere la nascita, l'infanzia o anche...

Si accende

Si accende Di Maria Rosa Oneto Si accende il cuore all'alba. Fotomontaggi di una vita si uniscono, ricreando il tempo. I volti ritornano a splendere tra miraggi e abbracci di luce. Respiro l'aria del mattino come una...

La mia memoria

La mia memoria Ho poche leghe da mettere tra il mondo e il mattino, ho poche leghe per legare chi non ama più. Ci vorrebbero centimetri di zucchero, metri di...

Vintage

Vintage Di Maria Rosa Oneto Bambole spettinate messe al centro del negozio. Gingilli fuori uso. Bigiotteria pacchiana che nessuna donna avrebbe mai indossato. Cappellini con la veletta. Toupe posticci di lana cotta. Fermagli di finta tartaruga, cosparsi...

L’emozione

L'emozione  È così strana questa emozione ti rimescola dentro, ma anche un po' fuori. Ti ritrovi d'improvviso seduta tra le sedie di Lilliput con i tuoi piedi grandi e i pensieri...