Si spera sempre

0
278

Non ho cercato
mi hanno trovato
nuda e cruda
sotto una foglia di cavolo
pronta per l’ora di cena.

Sono state parole formali
che mi hanno annunciata
poco prima di un telegiornale,
poco prima di cena
per non disturbare quella sera d’inverno in bianco e nero.

Io ero ancora sotto la foglia di cavolo
e non so,
onestamente non so
che è successo esattamente.
Le stessa forma ho incontrato,
ma nessun giubilo è stato
anche se tanti erano i colori
da stordire anche i suoni.

I miei.

Attendo
onestamente spero.

Sono sempre più piccola
per tornare sotto la foglia di cavolo
e son digiuna.

Si spera sempre in un’altra occasione,
si spera sempre.

Susan Moore TDR 25/05/2020