Sette donne in mostra a Lecce per farci conoscere ” Le Dee dentro la donna “

0
1482

Ritrovare dopo tanto tempo una bambina ormai diventata donna apre ai ricordi di come nel mondo tutto si trasforma. La nostra Andrea Rossi sembra schernirsi, tra circa una settimana compie 29 anni, scoprire poi che è anche un artista, mi ha dapprima incuriosito e poi entusiasmato quando ho visto le sue opere, dei graffi neri su una superficie mossa, la natura che esplode in un grido ancestrale.

La giovane artista di Acquasparta in Umbria sa provocare sussulti forti ed oggi accompagnata da nonno Piero si trova ad esporre a Lecce. Il progetto della mostra che ha avuto il suo vernissage ieri sera 20 ottobre diventerà itinerante, raggiungendo ogni regione delle artiste selezionate, dal sud al nord fino a chiudersi 11 mesi dopo, il 19 settembre 2019 il suo viaggio nella cattedrale di Napoli. dove durante il rito dello scioglimento del sangue di san Gennaro, vedrà di ritagliarsi un suo piccolo angolo.

La mostra collettiva partita ieri a Lecce terminerà nel capoluogo salentino il 16 novembre. Il titolo racconta il sacro che si nasconde nel corpo e nell’anima di una donna e le sette artiste lo hanno interpretato ognuna con la propria sensibilità artistica. ” Le Dee dentro la donna ” a cura di Gina Affinito è visitabile presso Antica Saliera studio gallery in via degli Antoglietta 11/A a Lecce. La mostra collettiva con ingresso libero è stata ispirata dal libro di Jean S. Bolen, un libro che insegna a ogni donna a identificarsi con la dea o con le dee che governano la propria personalità, a decidere quale coltivare e quale tenere a freno, e a sfruttare il potere di questi eterni archetipi per realizzare pienamente la propria individualità.

Questo progetto così ambizioso indaga quindi i modelli archetipi e li identifica attraverso le arti visive, una visione delle 8 artiste rigorosamente donne che in questo panorama artistico contemporane richiamano in loro una nuova consapevolezza. Il sunto finale dovrebbe essere quello che la donna impara ad entrare in contatto con i modelli archetipi che la influenzano dall’interno, cercando di sfuggire alle implacabili dicotomie maschio-femmina, madre-amante, donna di successo-casalinga, che da sempre la tengono prigioniera. Il progetto prevede l’esposizione di 30 opere realizzate dalle artiste:

_ Rossella Baldecchi
_ Alessandra Damiano
_ Milena Gallo
_ Rosita Lusignani
_ Rosy Mantovani
_ Valeria Patrizi
_ Andrea Rossi

Ogni artista identifica una Dea, attraverso opere d’arte che spaziano dal figurativo, all’astratto, alla fotografia. Nell’ultima parte del percorso si giungerà alla “Donna Completa”, colei che ha integrato perfettamente i sette archetipi, le sette Dee. Questa nuova donna, l’ottava artista, viene rappresentata da Adalgisa De Angelis, autrice di un arazzo che contiene sette colori, uno per ogni Dea, e sarà l’apotropaico simbolo di completezza e di pienezza. 30 le opere realizzate per farci incontrare, lungo il percorso espositivo, Persefone, Afrodite, Demetra, Estia, Era, Artemide, Atena. Il progetto si avvale della collaborazione di Francesca Di Virgilio Psicologa, Psicoterapeuta docente dell’Accademia Imago, sede della Scuola di specializzazione in Psicoterapia “Mosaico” di Napoli. Paola Guarino Psicologa, Psicoterapeuta, docente dell’Accademia Imago, sede della
Scuola di specializzazione in Psicoterapia “Mosaico” Napoli autrici di “ Sul sentiero della dea ” un laboratorio sugli Archetipi al femminile.

Andrea Rossi, nata a Terni il 28-10-1989, dopo aver frequentato gli studi di grafica publicitaria presso l’istituto professionale I.P.S.S. Alesseandro Casagrande di Terni, si iscrive all’Accademia di Belle Arti ‘Pietro Vannucci’ di Perugia al corso di pittura tenuto dal professore Sauro Cardinali. Nel 2015 dopo aver conseguito, con il massimo dei voti, il diploma di secondo livello nella medesima, si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Bologna al corso di pittura ed arti visive tenuto da Luca Caccioni. Nel 2018 termina gli studi di primo livello con il massimo dei voti. Andrea Rossi sviluppa il tema di Athena Dea greca della saggezza e dei mestieri, nota per le strategie vincenti e per le soluzioni pratiche.

 

Rappresenta il modello seguito dalle donne razionali, governate dalla testa più che dal cuore. Capacità di mantenere il controllo in situazioni difficili o d’emergenza, mettendo a punto strategie adeguate che portano la donna ad agire con la determinazione di un uomo. Dea vergine che però cercava la compagnia e l’alleanza con l’uomo. Qui è rappresentata nel suo graffiante pragmatismo, nella sua compostezza geometrica come
nell’astrattismo informe.

E’ un’Atena guerriera, obbiettiva quella portata sulla tela da Andrea Rossi. Una mostra collettiva che vi farà entrare nell’universo femminile sempre complicato ma sempre di un bellezza magnificente.

Raimondo Rodia