Schiava Italia

0
1657

Schiava Italia

 

Italia mia terra maltrattata

da uomini avvezzi nel tradire

ridotta a schiava e disperata

i figli tuoi costretti dal patire

da ladri d’ogni razza e contrada

l’onesto popol schiuderà la strada.

 

Si vedono facce amareggiate

stanno silenti fiumi e montagne

meste le alture e le campagne

fucina di bellezza  austera

giunge il pensier mio ai tuoi mari

si bella e al mondo senza pari.

 

L’arte ti ha formata, rivestita

canto di poeti ti ha cullata

i millenni e i gloriosi giorni

adesso son sopiti, disadorni

questo tempo presente più non vede

il popolo ridotto senza fede.

 

ciò che un giorno fosti veramente

or sopito nell’ombra del compianto

di bianco pane hai parco ventre

rimembra patria che fosti vanto

d’uomini chiamati al patimento

dar la vita pel tuo nome santo.

 

Nello Farris

 

Italia in catene. Dipinto di Francesco Canella 1851-1855