Romana Petri. Tutta la vita

0
896

Romana Petri.

Tutta la vita.

Ed è arrivata anche la fine di questo bellissimo libro.
Chi conosce Romana Petri, sa quanto è brava.
Tutta la vita è una la storia d’amore di tutta una vita. La storia di Alcina che rimane orfana a 12 anni, la madre muore di parto dando alla luce il fratello Aliseo. C’è la seconda guerra mondiale, la sua famiglia è comunista e sono partigiani. Ed è per mano dei fascisti che Aliseo, cresciuto da Alcina, viene ucciso. Nel 48, ha 33 anni è rimasta orfana e sola, vive in campagna, in Umbria insieme al suo cane Vinciguerra.
Parla coi suoi morti Alcina, con se stessa, senza perdersi d’animo. Riceve una lettera (una promessa mantenuta ) che gli farà cambiare totalmente vita.
Spaltero, caro amico di suo fratello, più giovane di lei di 12 anni, col quale si era scambiata un lunghissimo bacio, tanti anni prima, le scrive dall’Argentina dove era emigrato in cerca di fortuna per chiederla in moglie.
Alcina, forte e determinata, chiude casa e col suo cane, Vinciguerra, affronta il lunghissimo viaggio in nave, per raggiungere il suo amore.
È un crescendo di emozioni, Alcina e Spaltero si sposano e si amano intensamente, sempre.
Alcina, pur pensando sempre alla sua amata terra e ai suoi morti, è una moglie felice e poi madre. In Argentina, nel 76 c’è il colpo di stato, è il periodo dei desaperecidos, tutto questo sembra non sia avvertito da Alcina e Spaltero, abitano in una villetta in periferia. Ma Buena la loro figlia e Toni, un cugino scrittore, ci sono dentro fino al collo nel movimento di opposizione allo stato. E d’improvviso la dorata serenità della famiglia si trova spiazzata. Buena e il fidanzato vengono rapiti, torturati nei modi più brutali. Compatti e grazie ad una conoscenza riescono a pagare un lauto compenso per riportare a casa la figlia. Mentre il fidanzato rimane nelle mani assassine.
Venderanno tutto e per salvarsi faranno ritorno nella casa Natale di Alcina.
È un romanzo ricco di storie, di personaggi particolari, di emozioni e amore.
L’amore che lega Alcina e Spaltero è il fil rouge di tutto il romanzo. Indissolubile, sempre fresco, ed ciò che permetterà di affrontare tutte le situazioni che via via accadono alla famiglia.