Recensione: “Sensazioni Immortali” di Marianna Pangrosso

0
1146

Buongiorno lettori,

eccomi ritornata con una nuova recensione!

Oggi vi voglio parlare di una collaborazione avvenuta tra il blog e un’autrice, la quale ci ha gentilmente inviato il suo romanzo per sapere cosa ne pensavamo.

Si tratta di un fantasy caratterizzato da una vena di romance, il quale ha saputo stupirmi a tal punto da riuscire a divorarlo nel giro di poche ore.

Trama

A due mesi dal matrimonio, Marion Price si interroga sulle proprie scelte. Deve salvare l’azienda di famiglia e il senso di dovere le impedisce di liberarsi da un futuro preconfezionato. Il destino le viene incontro… Un destino che porta il marchio di una maledizione ereditata con la nascita e firmata dal Signore delle Tenebre. Un incidente, l’immortalità. La vita di Marion sarà avvolta da una serie di misteri da svelare. Guidata dall’istinto di sopravvivenza, affronterà avventure, amori proibiti, false identità, in una disperata lotta per la libertà, mentre demoni, vampiri e altri nemici avanzeranno da ogni fronte. Subirà una continua metamorfosi, divisa tra paura e voglia di vivere, umanità e oscurità.

Titolo: Sensazioni immortali

Autore: Marianna Pangrosso

Editore: Lettere Animate Editore

Pagine:254

Ed. Cartacea: 12.75 euro

Ebook: 3.11 euro

Genere: Fantasy, romance

Voto: totoro4totoro4totoro4totoro4

Impressioni

Ho davvero apprezzato questo romanzo, non pensavo mi sarebbe piaciuto a tal punto da divorarlo nel giro di poco. Devo essere sincera, gli eventi compresi nelle prime pagine (fino al momento della trasformazione per capirci) a mio pare sono stati narrati troppo frettolosamente rispetto a quelli che susseguiranno. Posso capire la scelta di sacrificare la parte introduttiva del romanzo per poi concentrare tutte le energie creative in quello che è il clue della storia, ma a mio parere, ovviamente del tutto soggettivo e amatoriale, non si ha nemmeno il tempo di capire a che punto del racconto ci si trova che in men che non si dica ci viene sbattuto davanti agli occhi l’evento dell trasformazione, anche fin troppo inatteso. Mi aspettavo un po’ più di pazienza, tutto qui 😀

Ovviamente non mi sono fermata, nonostante questo piccolo ostacolo ho continuato a leggere perché anche nei libri delle grandi case editrici troviamo spesso e volentieri questo genere di frettolosità. In più ero solo alle prime pagine e non è da me giudicare il libro dalla copertina, specialmente perchè tutte le recensioni lette su web erano positive.

Ad un certo punto della lettura mi sono accorta che da pagina 27 ero arrivata a 145! Com’era stato possibile? Ve lo spiego io..l’autrice ha saputo creare personaggi ben caratterizzati e tessere una trama nella quale inserirli alla perfezione. Ogni pagina è stata una sorpresa, ricca di emozioni e suspence. Il personaggio di Mikhal Wozniak, il primigenio, sovrano di tutti gli esseri sovrannaturali è sicuramente quello che mi ha intrigato di più: buono o cattivo? La mia opinione cambiava in continuazione. L’autrice è stata davvero brava a giocare con i ruoli, a far passare i buoni per cattivi e viceversa più e più volte.

Mi è piaciuto il triangolo amoroso che si è venuto a creare tra Marion, Taras e Mikhal: all’inizio non capivo bene se fosse derivato da interesse o semplicemente il principio di un sentimento profondo, ma con il procedere della lettura tutto ha iniziato a diventare più chiaro.

Parlando di Marion e Taras (il quale all’inizio si presenta al lettore come Leon) ammetto di non aver tifato per la loro relazione fin dal primo momento: il fatto dell costrizione al matrimonio della protagonista mi ha fatto salire parecchio disgusto, anche se l’autrice ci farà capire meglio le motivazioni di tutto ciò proseguendo nella lettura. Il personaggio di Marion per certi versi mi è piaciuto, per altri un po’ meno: alcune azioni le ho trovate affrettate, prive di riflessione, mentre in altre occasioni ha saputo far emergere la sua parte più matura, coscienziosa e forte. Penso sia stato voluto, in quanto l’autrice a mio parere ha voluto così renderci partecipi di quello che è stato il processo di evoluzione interiore della protagonista.

Quel dettaglio che all’inizio mi aveva fatto storcere il naso è passato in secondo piano rispetto alla lettura total immersion in cui mi sono cimentata. Sono davvero pochi gli autori che non mi fanno staccare il naso dal libro nemmeno per bere un sorso d’acqua, e credetemi, non mi ha mosso nemmeno il caldo afoso della mia camera!

Traendo le dovute conclusioni, quello di cui vi ho parlato è stato un romanzo che mi è piaciuto molto, e che sicuramente consiglio a tutti gli amanti del genere fantasy ma anche romance. Ho scoperto solo alla fine che si tratta di una saga, quindi prego l’autrice di rendere presto disponibile il sequel (per la mia salute mentale più che altro :D), in quanto il primo romanzo termina lasciando tutto in sospeso.

Terminato il libro non potrete fare a meno di domandarvi “ma un capitolo aggiuntivo lo ha messo?”. Lettura promossa, auguro un enorme in bocca al lupo all’autrice, la quale si è rivelata davvero promettente e oltre le aspettative.

Spero di leggere presto qualcos’altro di suo!

Vi abbraccio

Arianna