Recensione di Unbelievable

0
412

 

 

Unbelievable è una miniserie televisiva statunitense creata, diretta, prodotta e sceneggiata da Susannah Grant. Si ispira a una storia vera e narra una serie di stupri avvenuti negli stati di Washington e Colorado. La prima vittima, Marie Adler, denuncia di aver subito violenza, ma a causa della sua posizione all’interno di una comunità per giovani in difficoltà, la sua parola viene messa in dubbio da poliziotti poco empatici. Questi la inducono a ritrattare la versione dei fatti causandole amare conseguenze nella vita quotidiana. Lo stupratore non risparmia altre donne attirando così l’attenzione di due brave detective, Karen Duvall e Grace Rasmussen.

Le due si scontrano ben presto con un modus operandi insolito, studiato e accorto ma non si danno per vinte e lavorano per dare giustizia alle vittime. Una mini serie molto ben strutturata, un cast valido e convincente. Una denuncia a un sistema macchinoso e poco comunicativo, dove spesso e volentieri i criminali riescono a farla franca. Ovviamente non dev’essere facile fare i poliziotti ma se alcuni usano la propria posizione per prevaricare e compiere efferate nefandezze, altri si dedicano alla professione con impegno e dedizione. Una serie che consiglio vivamente.

Eleonora Panzeri