Recensione di Heaven di Connie Furnari

0
1357

Recensione Heaven, di Connie Furnari

 

Ryan è il classico cattivo soggetto, quello che farebbe impazzire i propri genitori, se ancora li avesse. Invece, fa disperare i nonni, che lo hanno preso con loro da quando i suoi sono morti in un incidente d’auto, del quale il giovane si sente in qualche modo responsabile. Questo scatena in Ryan una rabbia incontenibile, che lo porta spesso ad azioni sconsiderate.

I due poveri anziani cercano di farlo ravvedere, perché temono, da un momento all’altro, di vedersi portare via anche lui dalla morte che li ha già tanto segnati.

È quello che accade, infatti. Ryan muore e si risveglia tramutato in angelo custode, e gli viene affidata Kate, una ragazza piena di problemi, che sembra essere una vera calamita per i guai. Dopo un primo istante di sorpresa alla vista del suo angelo, si abitua alla sua presenza costante e scopre ben presto il suo fascino misterioso, costringendo Ryan a mettere a nudo se stesso e a fare i conti con il proprio passato. Ma anche lei, purtroppo, dovrà fare i conti con il suo, che si ripresenterà puntualmente a stravolgerle la vita.

La storia si dipana in tre volumi: Earth Angel, Stand by me, Always.

La lettura è scorrevole, affascinante, coinvolgente, e invita a proseguire. La storia è intensa, a tratti divertente o ironica, a tratti drammatica e introspettiva. I personaggi sono molto ben delineati, sia nell’aspetto fisico, che nel comportamento e nel carattere. Il mistero pervade le pagine, tessendo una trama complicata, ma per nulla pesante, che si dipana solo all’ultimo in un finale inaspettato.

Lo consiglio caldamente a chiunque ami le storie d’amore, soprattutto quelle un po’ “diverse” dal solito. Leggetelo, ci troverete amore, passione, intrigo e suspance. Insomma, non manca proprio nulla.

Elena Ungini