Può un edificio essere costruito sulle ossa di un felino? La leggenda del guardiano del Torrazzo di Cremona.

1
1259

Risultati immagini per cremona

Chi è che riconosce questa città dal simbolo inconfondibile?

Chi è tra di voi che ci è cresciuto e che magari ci cammina vicino ogni giorno?

Vi era un tempo in cui la capitale del Nord “Italia” era Cremona…

Risultati immagini per cremona simbolo

Un tempo in cui il Nord era governato da Federico II di Svevia, il cui simbolo araldico era proprio il leone.

Risultati immagini per federico II di sveviaRisultati immagini per federico II araldo leone

Nonostante si fosse conclusa l’età dell’oro, da ormai tanto tempo, la città era rimasta fedele a quello che veniva chiamato Impero Romano d’Oriente.

Poteva una città legata a un vecchio credo non essere oggetto di tentativi di invasioni barbariche?

Nell’anno 603 le armate del re Agilulfo alla guida dei longobardi, giunsero sotto le mura di Cremona, dopo aver assediato le terre circostanti….spinto oltre che per politica anche dal motivo che coloro che erano oltre le mura, avevano rapito sua figlia e suo genero, portandoli proprio a Cremona.

Nuremberg chronicles f 150r 3.jpg

“Nessuno dovrà mai più abitare questa terra! Chi si opporrà a ciò verrà nell’immediato decapitato”

La città venne presa, incendi dirompevano ovunque, i pochi abitanti sopravvissuti dovettero scappare per non incontra prima del dovuto la signora nera.

Per quasi vent’anni si dice che la città rimase deserta…vennero edificati piccoli villaggi attorno e lungo le rive del fiume… o così si pensava.

Vi fu un tal giorno in cui un certo principe Gallico con la sua comitiva sostò vicino all’ormai deserta città…quando a un certo punto dei rumori attirarono l’attenzione del principe.

I raggi del sole che attraversavano i fitti rami degli alberi si rifletterono sopra un dorato manto, contornato da lungo pelo.

Un leone.

Tempo di fiere e tempo di mercati di animali esotici, nessuno si stupì di osservare il fuggitivo selvatico…

Risultati immagini per un leone

Il principe non poteva credere a ciò che vedeva, un leone proprio davanti a lui, un segno…senza lasciarsi intimorire si avvicinò lentamente all’animale e si accorse che zoppicava per evitare di poggiare la zampa…

Si studiarono a lungo e il principe decise che se l’animale si era presentato al suo cospetto era suo dovere aiutarlo e con calma e fermezza afferrò la zampa dell’animale e osservandola da vicino, notò una lunga e acuminata spina… senza esitare l’afferrò e l’estrasse.

Un ruggito si elevò nell’aria e il leone corse via.

Dopo poco più di un’ora, in cui la calma era discesa il principe risentì dei rumori inconfondibili…l’animale era tornato e con passo spedito si avvicinò e depositò ai suoi piedi un capriolo senza vita.

Il leone non andò più via per il resto del tempo che trascorse e giunto il momento di partire seguì il principe come un docile gatto da compagnia fino a Roma.

Poco dopo venne a sapere che il magico luogo in cui si incontrarono era proprio quel luogo che ospitava le ceneri di Cremona….

Il leone morì…e il principe decise di portare con se le ossa del fidato e amato compagno e quando tornò in Lombardia decise che era giunto il momento di ridare vita a Cremona e conservare così il ricordo del suo amico.

Per prima cosa pose le ossa del leone nelle fondamenta del famoso Torrazzo…“et in fundamento muri ubi est torratium ossa leonis primo posuit”.

E si dice che proprio per questo motivo in cima al Torrazzo vi sia posto un leone dalla zampa alzata in ricordo di ciò che successe su quelle terre molto, molto tempo fa.

Risultati immagini per torrazzo cremona

Risultati immagini per leone sul torrazzo

Insomma voi conoscevate questa storia? Secondo voi è realtà o fantasia?

Tantissimissime sono le versioni che si leggono chi da contro alla leggenda e chi invece pensa sia realmente così…

Testimonianze dicono che ci sono davvero tanti elementi in disaccordo…e poi c’è la testimonianza di coloro presenti allo scavo effettuato anni fa vicino al torrazzo e nonostante gli scavi si siano estesi in profondità, non si esclude che le ossa possano essere state schiacciati da massi appartenenti alla costruzione…

Qual’è il vostro pensiero?!

A-