Proposte Momondo per le vacanze di primavera

0
1356

Momondo è senza dubbio uno dei siti di viaggi sulla cresta dell’onda. Questo grazie ad un ottimo lavoro di web marketing. Ma non solo, anche grazie ad ottime proposte e ad un servizo utile al viaggiatore. Una sorta di Brokeraggio che indirizza i clienti tramite le compagnie aeree di bandiera, le offerte di voli low cost e i siti di viaggi, verso i migliori biglietti aerei e le sistemazioni più vantaggiose. Tutto ciò in modo gratuito.

Clicca qui sotto e leggi le proposte!

Trova i voli più economici

Momondo per aprile e il periodo pasquale e dei ponti primaverili ci propone una serie di destinazioni indicate al periodo e molto intriganti eccole qui: Si va da I ciliegi di Tokyo al mare di Amalfi, l’atmosfera di Lisbona o i profumi della Provenza. Dai nostalgici dello scii agli amanti degli animali, dai romantici cosmopoliti ai party-animal.. Con la primavera il sito mette diverse destinazioni a portata di volo, ecco una selezione di mete perfette per questo mese.

Amalfi: Amalfi è una delle mete turistiche più conosciute al mondo, ed è proprio per questo che vi consigliamo di visitarla in aprile. Bando ai turisti mordi e fuggi, al caldo soffocante e ai prezzi estivi proibitivi: in questo periodo potrete godervi tutta la bellezza del luogo senza nemmeno un lato negativo. In questo periodo la primavera è un’esplosione di colori – del mare, del cielo e dei fiori, che spargono il loro profumo per le strade grazie al sole già caldo. A proposito: visto il clima Mediterraneo, in questo mese è possibile pensare al primo bagno dell’anno…  Passeggiate e godetevi lo spettacolo – il Duomo, ma anche le meraviglie della costiera in generale, come Ravello, il Sentiero degli Dei, e la spiaggia di Laurito a Positano. Più in dettaglio, ecco l’itinerio perfetto.

Dubrovnik: Anche la Croazia in questa stagione beneficia di un clima che la maggior parte d’Europa in questa stagione le invidia, con una temperatura media di 14 gradi, e di un turismo meno frenetico. Se questo è vero per tutto il Paese, c’è da approfittarne a Dubrovnik, città speciale ma davvero troppo presa di mira dai turisti nella stagione estiva, che diventa al limite del godibile. In questo periodo i servizi della città ritornano funzionanti e avrete a vostra disposizione ristoranti tipici e negozi, oltre alla naturale bellezza dei luoghi.

Andalusia: Spettacolare in questa stagione senza il caldo afoso estivo, non è questo il vero motivo per visitare Siviglia in aprile. Dal 9 al 16 aprile qui si festeggia la Semana Santa – una versione prolungata e festosa della Pasqua italiana – una delle due feste più importanti dell’anno in Andalusia insieme a la Feria de Abril, che arriva due settimane dopo Pasqua (quest’anno da 30 aprile al 7 maggio). Durante la Semana Santa vi aspettano processioni, musica ed eventi, mentre per la Feria de Abril vi attendono Flamenco a volontà, giochi di luce e costruzioni apposite alle quali i locali lavorano per mesi.

 

Lisbona: Qui si festeggia in pompa magna una delle più importanti feste del Paese e cioè  il 25 aprile (per ulteriori consigli su dove andare per il ponte che festeggia la nostra Festa della Liberazione) che segna la fine di una lunghissima dittatura da parte di Antonio Salazar in seguito alla Rivoluzione dei Garofani, ovvero il Colpo di Stato incruento (Revolução dos Cravos) messo in atto il 25 aprile 1974 da parte dell’ala progressista delle forze armate del Portogallo, dove questi bellissimi fiori presero il posto dei proiettili. Oggi ci si scambia ancora questi fiori per festeggiare l’evento e si partecipa a feste con musica dal vivo per le strade di questa incredibile città.

 

La Francia in primavera è la ricetta perfetta per festeggiare la fine dell’inverno e godere appieno di panorami mozzafiato: non vedrete la fioritura della lavanda così celebrata nelle cartoline della Provenza – e che va da metà giugno ad agosto inoltrato – ma vi godrete tutta la bellezza del luogo senza fare code infinite per ammirare i numerosi musei che vi consigliamo di vistare ad Aix-en-Provence e che di solito in estate sono a dir poco affollati: il Musée Granet, l’Atelier di Cezanne, l’Hotel de Caumont, le Mazarin, le Musee Artaud e molti altri. La città in “bassa stagione” offre un ulteriore vantaggio: poter girare tutti i food market circondati solamente dai locali, senza dover sgomitare coi turisti per la tanto agognata baguette.

Monument Valley: Aprile è un buon mese per visitare tutta la natura dei parchi americani più famosi, ma noi vi consigliamo in particolare la scenografica Monument Valley. Collocato al confine fra Utah e Arizona, il parco è caratterizzato da enormi guglie rocciose che hanno assunto le forme più suggestive grazie ad antichissimi processi di erosione e che cambiano colore a seconda della luce del sole, rendendo il territorio uno scenario degno dei migliori film del Far West. Non è un caso: questi territori appartengono realmente agli indiani Navajos, la zona fa parte della Navajo Nation Reservation, e saranno loro a guidarvi nel parco (con tour che si possono svolgere a piedi, in pulmino, in jeep o a cavallo). Se cercate una sistemazione per la notte, prenotate per tempo al The View e al Goulding’s Lodge. Aprile è il mese perfetto perché rappresenta la stagione di mezzo con una media di 15/17 gradi Celsius  ed esclude la possibilità di orde di turisti estivi (per quanto gli spazi siano grandi, succede e la magia inevitabilmente si perde…).

Amsterdam: Se è vero che il King’s day si festeggia in tutta l’Olanda, non c’è posto migliore dove celebrarlo di Amsterdam. Il Queen’s day è un carnevale lungo un giorno (e una notte!) che si svolge il 27 aprile e porta – solo ad Amsterdam – circa 700.000 visitatori ogni anno. Per dovere di cronaca dobbiamo segnalarvi che fino al 2013 si trattava del Queen’s Day e si svolgeva il 30 aprile, ma da quando la Regina d’Olanda Beatrice ha abdicato al trono dopo 33 anni di regno si festeggia il suo figlio più grande, Willem-Alexander. Preparatevi a party senza fine lungo le strade – e sui canali! – di questa città, accompagnati da vintage market e buona musica. Non siete dei festaioli? Poco male: dedicatevi ai bellissimi e numerosi giardini che proprio in questo mese riaprono le porte alla primavera e ai visitatori, facendo bella mostra della loro fioritura. O godetevi, molto semplicemente, i quartieri della città.

Chengdu, Cina: Siamo nella provincia del Sichuan, di cui Chengdu è la capitale. Non ci perderemo in mille motivazioni per visitare questo luogo, vi diciamo subito quello per cui non potrete fare a meno di prenotare un biglietto: qui sorge il Giant Panda Breeding Research, dove gli scienziati studiano e fanno riprodurre i panda, quegli esserini bicolore morbidi che ci ispirano sempre tanta tenerezza. Vi immaginate visitarne il “santuario” per vederli dal vivo? Cercate di arrivare prima delle 9 di mattina e avrete l’occasione di vederli mangiare chili di bambù. Andate ad aprile perché in questo mese le temperature sono perfette, con aria fresca e sole caldo, cosa da  non sottovalutare in quella che viene considerata la città più piovosa dell’intera Cina! Così potrete passeggiare senza inzupparvi per i quartieri storici di Jin Li e Kuan Xiangzi, visitarne i templi, e assaggiare il delizioso street food.

Tokyo: Tokyo è una di quelle metropoli che non deludono mai, in nessuna stagione, ma c’è un breve lasso di tempo nel quale visitare questa città magica è ancora più bello: la fioritura dei ciliegi. Non fatevela scappare se potete. Hanami è il termine giapponese che indica la tradizione di godere della fioritura degli alberi – letteralmente “ammirare i fiori” – e in particolare dei ciliegi, i cui fiori si chiamano sakura. Milioni di giapponesi si riversano verso le sessanta località più famose del Paese per ammirare il fenomeno. Che ci crediate o no, in televisione vengono date vere e proprie previsioni su come si svolgerà la fioritura (come quelle meteorologiche). I festeggiamenti durano giorno e notte – gli alberi vengono infatti rispettosamente illuminati – dall’inizio di aprile fino alla metà di maggio in tutto il Giappone, ma per chi è straniero visitare la capitale e fare anche questa esperienza risulta in una combinazione perfetta da non farsi sfuggire. E se cercate alloggio, date un occhio 

Zermatt, Svizzera: Zermatt si trova nel cantone Vallese della Svizzera tedesca, a 10 km dal confine con l’Italia. Sciare a Zermatt è una certezza che batte ogni record: vanta i resort sciistici più alti d’Europa e assicura neve tutto l’anno. 360 Chilometri di piste per tutti i livelli e ristoranti deliziosi per break gourmet tra un’attività sportiva e l’altra. Gli ski-lift arrivano fino ai 3.883 metri del Cervino, emblema della Svizzera, e si possono fare molte escursioni nelle montagne vicine per panorami mozzafiato. Perché andarci ora? La neve è ancora tanta – il Matterhorn Glacier Paradise è il più grande comprensorio di sci estivo d’Europa, grazie al ghiacciaio del Plateau Rosa – ma c’è anche tanto sole e si è ancora in bassa stagione, il che assicura prezzi abbordabili.

Se vuoi e puoi partire, cerca il meglio qui:

Trova i voli più economici