POESIE DI FABIO STRINATI: Vulnerabile e lavaggio

0
920

VULNERABILE

 

Il gessetto ha costruito la strada verso il nulla

e un cane rognoso la suda

tenendo per mano il suo ragno d’igiene:

 

tu non sei in lotta con loro, ( non ti conviene ),

ma tu, ( tu? ) sei completamente nuda

 

LAVAGGIO

È là che la memoria sfugge all’eternità,

che si assottiglia, e che a casaccio

impregna l’atlante di manoscritti e di poesie,

di sostenute litanie,

che ci faranno da impacco nei giorni grigi

nelle centrifughe dei temporali.

Foto da Psitek.net