Persone normali

0
154

Sally Rooney
Persone normali

“ Persone normali, già come se fosse semplice dire cos’è normalità “, così mi dicevo.
Dopo aver letto questo libro, che in verità non mi ha entusiasmato, ho rimuginato un po’.
Siamo in Irlanda.
Marianne e Connell sono compagni di classe al liceo. Entrambi molto intelligenti, studiosi, interessati a quello che succede nel mondo.
Lui brillante, bravo giocatore nella squadra di football, piace a tutti.
Lei molto timida, introversa, vittima di derisione continua.

Marianne vive con la madre e il fratello con i quali i rapporti sono difficili, Connel vive con la madre che fa le pulizie a casa di Marianne.
Tra i due c’è un’ottima sintonia, parlano di tutto, studiano, sono entrambi molto motivati all’università  si amano, in modo assolutamente positivo.
Tuttavia Connell si vergogna di lei, pertanto i loro incontri sono segreti, nessuno deve sapere nulla del loro idillio, a lei va bene così, ma rimarrà molto amareggiata per un comportamento di lui.
La loro strada in seguito si divide, all’università sarà lei il centro dell’attenzione per via della sua brillante intelligenza mentre lui “ arrancherà “.

Entrambi hanno nuove relazioni, ma ogni volta che si incontrano l’idillio si ripete, insieme stanno proprio bene, ma le relazioni con altri partners , hanno la meglio, sebbene siano relazioni piuttosto complicate. Marianne si rapporta con uomini che per niente la rispettano oltre che farle del male, Connell invece si fa andare bene quello che ha.
Nessuno è davvero soddisfatto, se lo dicono, se lo scrivono, mantengono comunque un rapporto di amicizia, anche se lontani, ma ogni volta che si incontrano stanno bene.

In sintesi una storia piuttosto comune, di quelle che capitano molto spesso in ogni dove.
Le storie che si ripetono, le famiglie problematiche, i ragazzi problematici di conseguenza.
Da sempre.
Ed ecco le persone normali, riconoscendo come “normalità “, il susseguirsi di eventi simili da tempo immemore e ad ogni latitudine.

Anna