Parole invisibili di Stefano Carnicelli (Tralerighe editore). Recensione a cura di Monica Pasero

0
115

Ho avuto modo di leggere in anteprima Parole Invisibili, l’ultima opera di Stefano Carnicelli.

Stefano ci regala uno scritto emozionante e, con tutta la classe e la professionalità che lo contraddistingue, ci fa entrare a piccoli passi nel mondo di Achille un bambino autistico, portandoci a vedere, ipoteticamente, il mondo con i suoi occhi; perché si sa che l’autismo è una patologia di cui conosciamo sintomi, comportamenti, possibili cause, ma nessuno può davvero comprendere cosa passa nel cuore e nei pensieri di un bambino autistico; la sua sfera emotiva è sigillata, quasi inaccessibile. Ma un bravo scrittore, con tutto il suo carico emozionale e soprattutto personale, può davvero arrivare a raccontarcelo e Stefano ci riesce bene! Accompagnandoci nel vasto e caotico mondo di Achille, in cui la razionalità cede il passo all’imprevisto, alla fantasia, alla diversità.

La narrazione si può dividere in due parti che camminano in simbiosi, perfettamente allineate. Le figure primarie sono Achille e Lorenza, sua madre, una donna che l’autore descrive con grande delicatezza; una vita travagliata, la sua, un bambino che non voleva arrivare. Anni di visite, cure mediche, tentativi, travagli burocratici per una possibile adozione; poi  inaspettatamente il suo grembo germoglia. Un figlio voluto a tutti costi!  Nato forse dal senso di onnipotenza che spesso pervade la nostra cultura che pretende di avere, anche quando Dio non dà!

I sensi di colpa di Lorenza per la sua scelta; la diagnosi devastante la porteranno a lottare per Achille, senza risparmiarsi, tralasciando tutto, tranne che l’amore per il suo bambino. Lorenza ci farà scoprire la quotidianità di tante madri come lei, ci porterà a conoscere gli iter medici, i viaggi, le speranze, i sacrifici, la continua ricerca di soluzioni, i tentativi, le cure sperimentali e poi ancora la parte scolastica, riabilitativa e le lotte contro enti, istituzioni, contro una società non pronta! Testimonierà le mancanze, il poco supporto sia medico che assistenziale da parte delle nostre istituzioni. Tutto questo grazie all’abile lavoro di ricerca dello scrittore.

La seconda colonna portante di questo libro è Achille che ci descrive la sua quotidianità fatta di gesti, perennemente uguali, i suoi traguardi, le sue mille sfide per sentirsi parte del mondo.  E come se stesse giocando una  partita di calcio e, insieme alle persone che lo stanno aiutando: mamma Lorenza, papà Piero, il nonno, i terapisti, le maestre, i compagni di scuola e tutte le persone che fanno il tifo per lui; stia  gareggiando il suo primo e secondo tempo, non risparmiandosi i supplementari;  tutto questo per vincere la partita più importante della sua vita: un posto in questa società.

Io esisto, mi chiamo Achille e merito di vivere dignitosamente e essere accettato per come sono, senza se e senza ma!

E che queste Parole invisibili, dopo questa lettura, possano fare un immenso rumore! E da oggi echeggiare in enti, istituzioni, governi, affinché la vita dei tanti Achille possa davvero cambiare in meglio e il mondo apra le porte alla diversità.

Buona lettura.

Monica Pasero