Panta rei

0
724

PANTA REI 

 

Adagiata sul letto del fiume

la nebbia si stende leggera,

in quest’avvio di Primavera,

quando ancora l’Inverno posa

i suoi ultimi rintocchi nell’aria.

 

Lenta l’acqua scorre sotto il ponte

e gli alberi adornano le rive,

nel verdeggiar del paesaggio,

il Lete va a tracciare il suo sentiero.

inarrestabile come il tempo,

che solca di emozioni questo vivere.

 

Non è mai la stessa acqua

a passare sotto i ponti,

a segnare il presente

e lo scrosciar del tempo,

nel suo lento incedere,

lo senti nell’attimo in cui

il cielo nasconde il suo azzurro

tra la foschia e il sole,

che cerca di aprire

con i suoi raggi un varco

per spandersi in una Primavera

che tarda ad inondare col suo alito

la stagione tiepida delle margherite.

 

PANTA REI OS POTAMòS

 

E tutto scorre come un fiume,

nel suo divenir metafora di vita,

i rami van a specchiarsi sulle acque,

e a tratteggiar spazi sospesi e vuoti

che echeggiano forme di cielo

tra ombre verdi come contorni

alle fluide, transitanti visioni

di vecchi e nuovi orizzonti.

 

Seppur la nebbia tace,

nel suo silenzio s’ode

il mormorio delle acque andate,

che disegnano nuovi rivoli,

dove inondare di sogni le correnti

per poi farli sfociare

nel mare della vita,

dove tutto muta,

persino l’emozione

o il sogno di un attimo prima.

 

Anna Cappella

 

FOTO REALE DEL FIUME LETE

DI EDY MECCHIA

 

Panta rei, terza classificata al PREMIO LETTERARIO DI POESIA E NARRATIVA “P. FIANO”, 1^ edizione

RISULTATI

Sez. A Poesia in lingua

1° classificato RITA MUSCARDINI con l’opera “ La voce della terra”

2° classificato ANTONIO BICCHIERRI con l’opera “ Echi Lontani”

3° classificato ANNA CAPPELLA con l’opera “ Panta rei”

4° classificato UMBERTO DRUSCHOVIC con l’opera “ Il volo dei corvi”

5° classificato ANTONELLA CASTIELLO con l’opera “ A Napoli primavera della vita”

6° classificato PIETRO CATALANO con l’opera “ Madre Italia”

Ringrazio la giuria

PREMIAZIONE 4 MARZO 2017