Ore di noia

0
848

“Ore di noia”

di Maria Rosa Oneto 

 

Sotto un cielo di cartone

piovevano semi di melograno.

Parevano rosari

disfatti ad uno ad uno

per incendiare il giorno

Ali di un grigio cinereo

Imbrattavano la linea dell’orizzonte

e nessuna vela dava brezza al mare.

Su un foglio di carta

scarabocchi in miniatura

a intervallare le ore di noia.