Nuccio Castellino Serial lover amante seriale

0
250

Nuccio Castellitto
Serial lover
Amante seriale

Lorenzo è un insegnante di letteratura francese all’università, molto curato fino all’eccesso, di bell’aspetto e con grande autostima.
Gli piacciono le donne, in modo maniacale, se qualcuna attira il suo interesse, la pedina, cerca di scoprire tutto della sua vita, la fa fotografare, ne fa un’ossessione fino a quando non riesce a conquistarla, anche se non è libera.

E appena si stanca, la lascia e comincia con un’altra. Tutto sembra avere origine da quando quella che considerava il suo vero grande amore, non lo tradisce.
È una persona ossessiva, maniacale. Di ogni sua conquista tiene foto ben custodite, un vero serial lover, come lui stesso si definisce.
È un misogino fondamentalmente. È una persona antipatica, anche all’università non gode di simpatia.
I problemi seri cominciano quando la polizia entra nella sua vita perché è ritenuto colpevole della scomparsa di una sua amante: Sabrina.
Con loro è supponente, maleducato, strafottente a maggior ragione perché non c’è niente che possa portarlo in carcere, solo dubbi e qualche indizio lasciato col suo nome.
La polizia è convinta che sia stato lui a far sparire la donna così come ne è convinto il marito di Sabrina che testimonia che il professore ha fatto un vero e proprio lavaggio di cervello alla moglie per convincerla a seguirlo.
Lo stesso professore parlando tra se e se fa intendere che Sabrina era diventata troppo appiccicosa e bisognava che uscisse dalla sua vita.
Gli indizi e i nuovi ritrovamenti portano sempre a lui, Lorenzo sembra spacciato.
L’unica che gli rimane ancora accanto è un’amica che fa la prostituta per scelta e che se ne prende cura.
Finalmente viene braccato da qualcuno che vuole vendicarsi e gli farà davvero molto male.

È un noir ben costruito, il protagonista appare fin da subito la persona coinvolta dalla sparizione della donna, ma come sempre quando tutto sembra chiaro, chiaro non è.
Sicuramente è un personaggio ambiguo e non proprio al di sopra di ogni sospetto, la sua aria “per bene “ come insegnante, nasconde un animo nero e patologico.
Il romanzo tiene sulle spine fino all’ultimo, quando un colpo di scena di grande effetto, lascia tutti interdetti, molto il professore e mette ognuno al suo posto.
La psicologia del personaggio principale è ben descritta e non lascia dubbi sulle sue dolenti caratteristiche.
La lettura è scorrevole e tiene incollati alle pagine fino alla fine.

Anna