Notte di traverso

0
157

Notte di traverso

Una luna ferita di traverso.
Un albero piegato ad arco
dal vento.
Una sagoma scura
con la faccia coperta,
nascosta in un angolo
senza luce.
Una notte viandante,
al cui cuore, nessuno
si avvicina.
Ore di paura,
che tolgono il respiro.
Scorre sangue
da una strada in pendenza.
Una sirena, sfreccia,
lampeggiando di blu.
Una tapparella
viene alzata e prende fuoco
l’abat jour.
Un cane abbaia di rabbia
a quel risveglio maldestro.
Tace la mia bocca
che odora di whisky.
Accanto la pistola,
ancora calda
di troppi lamenti!

Maria Rosa Oneto