NATALE A NOTTING HILL

0
312

Ho terminato il 2018 leggendo il romanzo di Karen Swan “Natale a Notting Hill”, ambientato proprio nel periodo natalizio.

Dopo un inizio non molto promettente, il romanzo prende ritmo e coinvolge il lettore.

Protagonista in assoluto è Nettie, una ragazza che lavora nel campo del marketing – pur non essendo questo il lavoro dei suoi sogni – e che, per raccogliere fondi per un evento benefico, si trova all’improvviso nei panni di Coniglietta Blu.

Viene, così, catapultata nel mondo immenso dei social media e diventa famosa, ancor più quando viene affiancata dalla star del momento Jamie Westlake.

Nettie, però, non è abituata a essere al centro dell’attenzione e ha un passato doloroso alle spalle. Sua madre, infatti, un giorno di quattro anni prima è uscita dalla porta di casa per non farvi più ritorno lasciando Nettie sola con il padre e con un vuoto incolmabile dentro.

Questo fatto l’ha segnata profondamente, tanto da farla sentire incompleta, ferma nella sua vita. Una vita che va avanti, ma senza una meta precisa, senza un obiettivo.

La conoscenza della star la scombussolerà nel profondo e l’evolversi degli eventi – con continui colpi di scena – mantiene l’attenzione di chi legge sempre alta.

La trama è avvincente, le descrizioni approfondite. L’aspetto psicologico dei personaggi è trattato con estrema cura e puntigliosità.

Questo romanzo pone l’attenzione sui vari aspetti che possono condizionare una vita all’apparenza tranquilla (come la scomparsa di una persona cara) e fa riflettere su quanto i media influenzino, nel bene e nel male, la vita stessa. Nettie e Jamie sono due esempi eclatanti di questo aspetto.

L’autrice pone poi l’attenzione sull’importanza dell’amicizia, quella vera e profonda, e sull’amore che non conosce confini e appartenenze.

Una buona lettura che consiglio!