Morbide corrispondenze

0
412

MORBIDE CORRISPONDENZE

Reggo quest’amore
al varco sospeso
dei sospiri di lontananza,
raccogliendo, a gocce, ogni attimo
che mi regali nelle notti slacciate
sulle morbide corrispondenze.

Rapita da gesti trasognati
e sguardi ovattati,
lascio cadere i miei veli
alla mensa apparecchiata
di baci e labbra ingorde
di scivolare, a morsi avidi,
in uno sciolto desiderio.

Calde parole, le tue,
sussurrate sottovoce,
che invitano le arcuate voglie
a sfamare i tocchi ansiosi
di lasciarsi scorrere
sulla tremula pelle:

Tutto diventa gioco
che seduce gli intenti,
quando sorseggiando
amore e passione, a piccoli sorsi,
assaporiamo il silenzio spiegato
delle nostre palpebre socchiuse.

E quel sogno inventato,
disseta l’arsura,
lasciando ogni volta,
in bocca il sapore dolce e amaro
di un segreto ramificato
in una realtà arresa al suo cospetto.

Anna Cappella