Miriam

0
511

Miriam si sveglia a mezzanotte
o giù di lì.
Purché se ne sia andata
l’ultima bava di luce.
Girando le ore,
mezzanotte è già qui:
buia ed attesa.
Sognando un uomo elegante
dal cappello con tesa larga
per le giornate un po’ incerte,
mi perdo.
Mi persi.
Accolgo il presente
nel buio fasullo di una notte farlocca.
Dispero il mio sogno,
principessa fallita:
un tulle sporcato di vero.
Seduta,
immobile,
sul campo di golf.
Piange sangue Miriam,
così sveglia,
prima di mezzanotte…

S.M. tdr 01.10.2017