Mi presento: sono Pavika.

2
1268

Mi chiamo Paola ma quando dipingo mi firmo Pavika. Ho scelto questo nome perché mi sembrava potesse in qualche modo rappresentarmi.

Pavika in croato ( si scriverebbe con la c e non con la k ) significa Paoletta. una Paola piccola, che si stupisce davanti a ogni cosa, un po’ come fanno i bambini. È così che mi sento spesso: stupita. Stupita da una sfumatura rosa che vedo in un tramonto, da un fiore che sboccia a meno tre gradi quando in torno tutto sembra morto; Stupita dalle persone, dai loro comportamenti (a volte) incomprensibili, dall’ingegno, dalla capacità di cambiare.

Ciò che però mi stupisce maggiormente è l’incapacità di tanti a stupirsi; molti affermano che nulla li stupisce più, non sono certa che sia vero ma so che vivere in una condizione di costante stupore è molto interessante perché non ti lascia il tempo di annoiarti. I miei lavori sono rivolti soprattutto a loro, a quelli che pensano di non potersi stupire. Uso il colore per suscitare qualcosa in chi guarda nella speranza che si stupiscano.

Non so se funziona, il tempo lo dirà.
Se volete provare a stupirvi digitate su facebook “pavika art”, lì troverete i miei ultimi lavori.