Luna bastarda

0
1050

Luna bastarda

Mi affaccio sulla porta
della casetta sulla spiaggia,
tra i profumi del mare.
L’aria fresca mi avvolge
nella notte che avanza,
bella è la sera e la luna
è bastarda, leggera di nuvole.
Mi coglie l’emozione,
mentre il remo sciaborda
nella calma piatta
d’un mare tiepido e sereno
che mi abbraccia,
mentre le nuvole corsare
coprono la luna, bella la sera
il cuore stupito batte lento,
l’anima canta nella
notte chiara che avanza
col suo mistero, mentre le
stelle vegliano in un cielo
liquido, trasparente e profondo
e intanto respiro la bellezza
della mia terra.
La sera e la luna
sono bastarde più che mai
una lacrima…ha
il permesso di uscire.

Nello Farris Rivano