L’ultima consegna

0
144

Il navigatore parlava chiaro…
Era l’ultima consegna.

Le strade erano silenziose e io dovevo rientrare alla base.

Erano passati 2 lunghi mesi
E il desiderio e la voglia di scappare dalla gabbia era forte e quasi incontenibile in certi momenti….

Arrivai all’incrocio…

A sinistra tornavo indietro,
La serata era terminata
E tutto procedeva secondo le regole…
Gia
Le regole…

A destra
Era la via di fuga

Il respiro

La libertà

A pochi km il mare…

Provai un fortissimo impulso a un evasione selvaggia e trasgressiva…

Via la mascherina
Via i guanti
E giù a tutto gas verso luoghi proibiti…

Rimasi qualche istante ferma all’incrocio

Il motore acceso
Lo sguardo oltre…

Osservai le emozioni
Le lasciai sfogare e andare

Sto bene
Mi dissi…
Sono felice e ho pace in cuore

Ringrazio

Ma quando mi voltai
Vidi chiaramente quando torneremo a casa…

Nel nostro risveglio, nella nostra coscienza, nella nostra consapevolezza
E nella nostra libertà…

Presto

Torneremo tutti a casa.

 

Honi Ramona Ruina