L’importanza del mi cantino

0
678

©Bistro: L’importanza del mi cantino. Tecnica mista: matite, acrilico e acquarello bianco.

Questa vita è una canzone da cantare in due ma ho perso gli accordi nella sabbia e tu non ricordi le parole, cosi questa spiaggia ci accoglie nell’assordante silenzio dell attesa, mentre il vento distratto sfiora il mi cantino.
Hai un foglio bianco io avevo la penna ma sai quanto sono disordinato, forse l’ho lasciata sul sedile polveroso del treno, vicino alla poesia che non ti ho ancora letto, quella scritta senza usare parole ma solo fotogrammi dei nostri incontri.
Forse un giorno me la leggerai dagli occhi permettendo al mondo di scomparire.
Questa vita è una canzone da cantare in due, ma ho perso gli accordi nella sabbia e tu non ricordi le parole, però ho ancora dieci dita anche se non tutte funzionano bene, quindi facciamo così, io inizio a suonare, tu chiudi gli occhi e lascia che le note tocchino il fondale, perché quando succede ti senti scuotere dentro e le palpebre diventano lo schermo di un cinema all’aperto su cui incessantemente si susseguono quei fotogrammi di cui ti parlavo.
Continuerò ad arpeggiare sulla piega delle tue labbra che sorridono fino a quando con le prime luci dell’alba, ne sono sicuro,
ti tornerà la voglia di cantare.

Illustrazione per il testo “L’importanza del mi cantino” di Gianluca Sonnessa.

Bistro (Federica Consogno) Pagina Facebook ufficiale

Gianluca Sonnessa ( Malforte) pagina Facebook ufficiale