Le parole mute

0
161

Ho letto
avida
le parole mute
lasciate cadere
tra il bianco e il nero.
Ho cercato
curiosa
i colori nascosti della realtà.
Tanto pudore per tanto.
Mi sono immersa
in profondi occhi neri
per guardare un mondo avvolto di pioggia azzurra.
Sono morta uomo
e risorta femmina
mille e una volta ancora.
Io,
che in quel tempo che appare così lontano,
ero,
ma non sapevo,
non comprendevo questo paese
lungo e lacerato
come una maglia vecchia e sporca.
Sporca e malata come i miei occhi
che guardano il cielo
e lo sfarfallio delle feste che vanno via
una volta ancora,
una volta di più.
Se tutti insieme raccontassimo il sogno,
il poeta sorriderebbe,
finalmente.

Susan Moore TDR 04/01/20