Le ossa della principessa

0
139

Un ritrovamento di ossa con accanto una corona giocattolo è il fulcro del romanzo di Alessia GazzolaLe ossa della principessa“. La protagonista è sempre Alice Allevi: la ragazza un po’ maldestra e distratta che dimostra ottime capacità investigative.

In questo caso, infatti, il suo contributo sarà fondamentale per venire a capo del mistero delle ossa che – si scoprirà – appartenevano a una giovane archeologa (Viviana). Il ritrovamento del suo corpo, inoltre, avviene nello stesso momento della scomparsa di Ambra, la collega algida, bella e piuttosto antipatica.

Un caso, una coincidenza?

Non manca la presenza del burbero Claudio Conforti, sempre pronto a far sentire Alice una nullità, ma nello stesso tempo, a cercare di instaurare con lei un rapporto “fisico”, attratto dalla sua bellezza.

Alice, dal punto di vista sentimentale, continua a sentirsi confusa. E’ attratta da Claudio, dalla sua irruenza, dal suo carattere talvolta trascendente al maleducato, ma diretto.

E’ attratta altresì da Arthur, il ragazzo sfuggente, instabile, che coglie ogni occasione per sfuggire dall’Italia. I due si attraggono come calamite, ma sono consapevoli che un rapporto costruito su basi poco solide, non può essere duraturo. Secondo voi è meglio fare progetti a lungo termine o vivere alla giornata, nel “qui e ora”?

Ritornando poi al “caso delle ossa” emerge chiaramente una questione di gelosia. Senza rivelarvi altri dettagli, mi sono interrogata su quanto questo sentimento possa incidere in maniera negativa, se eccessivo.

L’autrice, con la sua bravura, con il suo modo di scrivere schietto, preciso, con le sue descrizioni dettagliate, puntuali e con la sua eccellente capacitù di scavare nell’animo umano, riesce a catturare l’attenzione del lettore, fino all’ultima riga.

Ha intrecciato in maniera egregia le storie di vari personaggi, ha analizzato i fatti tra passato e presente e ha manuenuto saldo il filo conduttore di tutta la storia. Un giallo mozzafiato, assolutamente da non perdere!

Elvira