L’avventura

0
176

L’avventura

Pochi fiori gettati in mare
galleggiano in lontananza
per poi affondare.
Un rito propiziatorio
per fare sì che l’acqua
non abbia a far male.
Nei fondali i petali accarezzano
quel vuoto silenzio,
tracciando scie di colore
tra squame argentee.
Precipitano in discese
d’amore, assumendo danze
strane.

Si avvolge l’ombra avvilente,
in opali fosforescenti.
Magie di inusitati concerti
quasi risalgono. Riprendono vita.
Si fermano nello spazio
che è vento.
Bevono un’ultima volta,
l’azzurro del cielo e poi pregano
di non sfiorare più l’avventura
degli uragani!

Maria Rosa Oneto