L’arte di correre sotto la pioggia

0
235

“L’arte di correre sotto la pioggia” di Garth Stein è un romanzo emozionante e molto “umano”, in cui l’io narrante è un cane.

E’ uno dei maggiori bestseller internazionali degli ultimi anni ed è diventato anche un film.

Il cane si chiama Enzo e il suo padrone è Denny che lo ha scelto da una cucciolata non certo per caso, ma per una qualche forza di attrazione. Si dice che il cane somigli al padrone, ebbene in questo caso Enzo e Denny vivevano in completa simbiosi.

Anche quando Denny si è sposato con Eve, anche quando è nata la loro splendida figlia Zoe, anche quando le loro vite sono state stravolte, il loro rapporto non è mai mutato, semmai si è rafforzato.

Si capivano al volo, anche solo con uno sguardo e, addirittura, con il suo comportamento Enzo riusciva a comunicare con Denny, a fargli capire se era d’accordo o meno con certe decisioni, a dire la sua, insomma!

Denny lavora in un’autofficina, adora i motori e, soprattutto, adora guidare le auto sportive. La sua vita, però, sarà dura e in più occasioni sarà sul punto di mollare. Le ingiustizie fanno male ma, a volte, sono davvero difficili da sopportare, tanto che vien voglia di gettare la spugna e di smettere di combattere.

Ma Denny, ogni volta, riuscirà a rialzarsi e ad andare avanti con l’unico obiettivo di riavere con sé sua figlia. In questa lunga battaglia un ruolo fondamentale ce l’avrà soprattutto Enzo, il suo amico/fratello più fedele, ma anche gli amici di sempre, quelli che ti spronano a reagire, ti sostengono nei momenti bui, ti offrono una spalla su cui piangere e ci sono nei momenti belli, ridono, scherzano, gioiscono.

E poi – ahimé – ci sono le persone cattive, brutte dentro, che non si fanno problemi a chiuderti la porta in faccia e a metterti in difficoltà; che non hanno cuore.

Il filo conduttore di tutto il romanzo è un dolore profondo, sordo, che fa male davvero e vissuto giorno per giorno fino a raggiungere l’amore e la pace dei sensi.

Un libro emozionante, scorrevole, che si legge con impeto! Ora, sicuramente, mi guarderò anche il film!