La sposa promessa

0
228

Unico film israeliano in concorso a Venezia 69. Esordio per la regista Newyorkese di origini ebraiche Rama Burshtein.

Un messaggio interculturale importante: Il film evidenzia come la comunità ortodossa sul piano artistico sia debole, muta.

L’intera pellicola infonde negli occhi dello spettatore tutta la sua tradizione: il matrimonio combinato, le rigidità da rispettare…
Shira, protagonista superba, compirà scelte forzate e non, che le cambieranno la sua vita.

Se le immagini del matrimonio trasmettono candore e speranza, quelle girate negli spazi chiusi tra luci e ombre, sembrano tenere i personaggi intrappolati nel loro tragico destino.

Realismo, estetismo e semplicità fanno si che chi guarda resti in contatto con Shira, ogni istante.

VLM

A ciascuno il suo cinema