La ninnananna

0
795

La ninnananna

di Maria Rosa Oneto 

Dormi, Piccolo Mio,
intanto che la Terra ti
canta la sua ninnananna.
È un canto dolce e materno
che fa scendere latte dal.cielo,
nuvole di zucchero filato
appese agli alberi.dei prati,
campanellini da neonati
suonati ad ogni ora
per rasserenare il cuore

Dormi, Piccola Creatura,
tra il bosco e il mare.
Cullata da brezze leggere,
sospesa a cicogne indaffarate,
a spiriti alati riccioluti d’oro.
Dormi e del.doman.non Ti curare.

Crescerai nel bozzolo dell’infanzia.
Giocando di fantasia
sulla porta di casa.
Parlando al gatto.a cui
tirerai la coda, alla mosca ignara
che Ti porterai alla bocca.

Dormi, Piccolo Mio,
tra l’innocenza
e una sculacciata perfetta,
correndo sino a sbucciarti le ginocchia,
ridendo del quaderno fatto a pezzi,
del vetro rotto giocando a pallone,
delle pozzanghere in cui sei saltato
per.dipingerti la faccia di nero

Dormi, Piccolo Mio.
Avrai tempo per pensare
e lo farai, stanne certo.
già da domani.