La mia Ombra di Monica Pasero

0
1311

Stamani le foglie volteggiano nella loro ultima danza. Cadono al suolo. Osservo la loro vita che volge al termine. Respiro l’aria fresca di questa mattinata di fine ottobre che accompagna il mio vagabondare. Cammino ormai da un’ora, senza saper bene dove debba giungere. Accanto a me,  come sempre, la mia ombra. Lei proseguo del mio corpo mi segue in ogni mio attimo. Un tiepido sole mi permette d’intravederla lungo il mio ignoto vagare.

immagine web

Sembra triste!  Forse sarà la mia nuca china verso il basso. Penso. Contemplo la mia sagoma ricurva e medito su quanta nostalgia ci sia nella mia ombra. Cammino ancora e poi ancora, lei mesta mi segue, impotente del suo malessere, anche il mio corpo ora lo sente. Ogni mio passo è più pensante. I ricordi riaffiorano e dolorosi pervadono il mio essere. Lei mogia mi scorta a volte s’allunga come per volersi staccare da me. Forse avverte la mia sofferenza e vorrebbe fuggire per non sentire il sordo rumore della delusione. Ma poi come una brava compagna di viaggio resta, conducendomi  nel mio ignoto. I ricordi riempiono la mia mente. Tutta la fatica per soffocarli non è servita a nulla, è bastata la mia ombra a ricordami che la tua non era più accanto a lei.

Monica Pasero

CONDIVIDI
Articolo precedenteToc toc-Drin drin
Articolo successivoFarfalla