Je suis Eugène – Poesia Apocrifa

0
987

Je suis Eugène – Poesia Apocrifa 

 

Sesso ed altro:

la tua bufera è un battito d’ali

di una farfalla che fa oscillare

la frangia dei tuoi capelli,

tra queste nubi color magenta

dalle luci d’inverno passato

in un parco all’ombra della magnolia.

 

Sei il sogno di un prigioniero

il tuo volo è un piccolo testamento:

e lo sai: debbo pure riperderti e non posso

abbandonare la speranza di pure rivederti e

godrai se il vento entrerà tra le tue mura

graffiate e la tua maledetta crisalide sarà

quasi una fantasia, una delle occasioni

dissipate dal tuo volere, mentre a vortice

m’abbatto sulla tua falsa mitologia

ristringendo l’orizzonte dell’inesistenza,

e tu, alunna delle muse, canterai in falsetto

solo per me navigante la bassa marea.

 

Eugenio Kaen