Incredible Giordania!

2
1010
Wadi Mujib

Una terra la Giordania che offre scenari naturali così diversi, dai caldi deserti arsi dal sole, alle formazioni rocciose che sembrano sculture, dai colori così caldi e intensi rubati alla tavolozza di un pittore, alle calde e rosate rocce di Petra, un vero e proprio gioiello all’aria aperta costruita dai Nabatei ancor prima di Cristo.

Petra
Petra

Visitare Petra era il mio sogno e realizzarlo mi ha dato un’emozione enorme. Avevo talmente idealizzato questo luogo che la paura che le mie aspettative andassero deluse era molto forte. Invece no. Che magia è stato per me percorrere il lungo Siq scolpito nella roccia e poi, all’improvviso, il Tempio più famoso al mondo, di un colore rosa caldo e interamente scolpito nella roccia. Petra è un sito archeologico talmente vasto e sconvolgente nella sua varietà di templi, grotte, tombe e palazzi reali, da lasciare il visitatore senza respiro, senza fiato. Ad ogni passo offre scenari spettacolari.

Villaggio di Dana
Villaggio di Dana

Oltre a Petra abbiamo visitato tanti piccoli villaggi. Uno di questi è Dana, minuscolo villaggio di poche case, molto antico. Abitato da gente semplice, povera, ma estremamente dignitosa. Che ricchezza di umanità, generosità, allegria e calda ospitalità! E grandissimi sorrisi difficili da dimenticare, anzi, impossibile!

La natura in Giordania è sovrana e sa essere anche molto dura; il trekking dal villaggio di Dana alla riserva naturale di Wadi Feynan l’ha manifestata tutta. Paesaggi stupendi. Grande lo stupore al nostro arrivo. E’ stata un’esperienza unica e assolutamente rilassante pernottare al lodge della riserva, illuminato da mille candele e da una miriade di stelle. La visita alla tenda dei beduini dove il tè alla menta o alla salvia e un’amabile chiacchierata ci hanno corroborato il corpo e lo spirito.

Abbiamo risalito il fiume Mujib, dalle acque cristalline, che scorre in uno spettacolare canyon con cascate di varia grandezza e rocce dai colori così straordinari da sembrare quasi di legno.

Wadi Rum
Wadi Rum

Incredibile il deserto di Wadi Rum, attraversato dal mitico Lawrence d’Arabia per giungere fino ad Akaba. E’ formato da sabbia di diversi colori, dal rosso al bianco al giallo, ai graffiti lasciati da antichi popoli vissuti in questi luoghi all’apparenza inospitali. Un luogo fuori da ogni possibile descrizione, di una bellezza struggente dove è possibile perdere e ritrovare se stessi.

E poi il Mar Morto. Bagnarsi in questo grande mare salatissimo e rimanere a galla senza alcuno sforzo: che strana sensazione! E che emozione, quasi mistica, bagnarsi nel fiume Giordano, dove Giovanni Battista battezzò Gesù. E poi la visita al Monte Nebo, tappa finale del viaggio di Mosè verso la Terra Promessa.

Mar Morto
Mar Morto

Vivere così da vicino questo paese dalla natura maestosa e affascinante, conoscerne il popolo ospitale e gentile è stata un’esperienza indimenticabile. Grazie Giordania!

2 COMMENTI