In fondo se ci pensi la Poesia di te

0
926

©Bistro: In fondo se ci pensi la Poesia di te.Tecnica mista: matite, acrilico e china.

In fondo se ci pensi la Poesia di te,
non ne ha urgenza.
Anzi, tu non sei nemmeno un poeta ma solo un passante distratto che sogna in bianco e
nero un fantasma chino sui fogli, un singulto che vuol scuoter corpi, un vinile anzi neanche
sei solo i suoi solchi.

Se ci pensi la Poesia non ti ha mai cercato.
Non l’ha fatto perchè conti poco, forse anche niente, un pensiero scucito dagli altri non fa
mai rumore, non scuote e non riempie.
Pensandoci capirai che l’ hai cercata perché
ne avevi bisogno.
Lo hai fatto per consolarti e non per placarla,
per farti sfiorar dalle righe, non per carezzarla.
Volevi i suoi occhi,volevi abbracciarla,
tu solo le hai chiesto:
“Ti prego ora parla”
L’hai fatto per te.
Non certo per lei.
hai voluto mescolarla col tuo caos,
fino a quando lei,
sbadigliando ti è nata dalle mani.
E tu sei stato padre e lei ti è stata figlia.
Per questo non potrai chiamarla “Mia”,
sarebbe un errore imperdonabile.
L’hai messa al mondo, l’hai scritta sul margine del foglio.

Estratto dalla raccolta “Il bruco che odiava le farfalle” di Gianluca Sonnessa.

Gianluca Sonnessa ( Malforte) pagina Facebook ufficiale

Bistro (Federica Consogno) Pagina Facebook ufficiale