Il Sacro Manto

0
223
Mango fruit hanging in branch of a manto tree in a plantation

Il Sacro Manto
Di Maria Rosa Oneto 

Ci saremo Signore
a seguire i Tuoi passi sul Golgota.
A capo chino, trascinando i soliti
peccati, d’inguaribile avidità
e ipocrisia.
Ci saremo Signore, senza più
maschere, spogliati d’oro e ricchezze,
nudi come vermi striscianti
ad implorare perdono, misericordia.
Andremo, come anime vaganti,
vergognandoci della nostra stessa faccia;
scurrili, impudici e dissennati,
puzzolenti di menzogne
e misfatti.
Padroni di niente, incarnati di polvere e sangue. Spudorati nell’aver affamato gli altri, derubato, violentato, estorto l’innocenza dei deboli, degli ultimi, dei “diversi”.
Luridi di sessualità malsane e pensieri corrotti. Seduti sopra troni,
macchiati di vigliaccheria e infamia.
Luridi in abiti griffati, strafatti di coca e perversioni moderne.
Meschini davanti a chi agonizza, chiedendo: giustizia e pane.
Popoli a marcire nel degrado e nell’indifferenza, tra nuovi schiavi e mafiosi con il sigaro in bocca.
Tronfi di banconote, che valgono quanto carta straccia. Un filo di vento basta a spegnere il sole, a spezzarci per sempre le ali.
Signore, abbiamo dimenticato la Tua parola, quel voltarci al bene, il senso del perdono, dell’umiltà, della pazienza.
Gridano le voci nell’ombra, martoriate da spettri e pestilenze.
Soli, senza uno sguardo. Abbandonati al chiuso di una stanza.
Un silenzio, ovattato di morte, ci percuote il cuore, la speranza.
Da un balcone, si eleva un canto, che è preghiera d’intercessione a Maria:” Veglia, Madre di Dio”, sopra i Tuoi Figli ovunque dispersi e fa che taccia ogni guerra, ogni male, ogni perfidia che affligge la Terra e donaci di ritrovarci abbracciati sotto il Tuo Sacro Manto!