Il Mazzamurello tra Marche e Abruzzo, il messaggero dei morti e del pericolo

0
2138

mazzamurello

*Rumore*
*Altro rumore*
*Padelle sbattute in terra*
*Cose che rotolano sul pavimento*
*pezzo di legno sbattuto contro il muro*

Arghhhhhhhhhhhhhhhhhhh.
Mannaggia. Non è mica possibile però. Sono tre notti che faccio tutto questo casino e quell’umano non si smuove dal letto. A volte mi piacerebbe essere un gigante, così si che potrei farmi sentire e invece no. NO. Sono il mazzamurello di turno, uno del piccolo popolo. PICCOLO POPOLO. Gli umani mi definirebbero piccola creatura fatata delle fiabe, se solo sapessero che non siamo solo ometti fiabeschi ma che siamo importantissimi come messaggeri.
Ahhh di sto passo non riuscirò mai a compiere il mio lavoro

*Pergamena estratta dalla tasca*

“John dei mazzamurelli, sei stato incaricato nel anno 1800 come messaggero tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti. E con questo ribadisco di consegnare il messaggio che una volta e solo una a corte ti è stata riferita direttamente da me, mi raccomando.”

Uff…ma come posso portare un messaggio se quello non si sveglia e io posso apparire solo di notte. Ah ecco, ce l’ho fatta.

“Era ora che ti svegliassi pigrone. Sono tre giorni che cerco di destarti di notte ma non dai segni di mettere i tuoi piedacci in quelle ciabatte e tirarti in piedi, non ho mica tempo da perdere con i pigroni io”

———————————————————————————————————————
*rumure*
Sarà sicuramente una qualche pentola posata male, mi giro dall’altra parte e continuo a dormire.

*sedie che si muovono, cose che rotolano, legna sbattuta sul muro*
Ma cos-a?? Mi alzo di soprassalto assonnato…
Cosa è stato? Un ladro o la mia immaginazione? Vabbè meglio andare a vedere…Mi alzo a sedere, mi stropiccio gli occhi, mi infilo le ciabatte e con molto sonno vado in soggiorno a vedere cosa sia caduto…Eh improvvisamente lo vedo.
Vedo un ometto piccino picciò con un cappello rosso in testa, dei vestiti stropicciati e una borsa a tracolla con una pergamena in mano.

“Era ora che ti svegliassi pigrone. Sono tre giorni che cerco di destarti di notte ma non dai segni di mettere i tuoi piedacci in quelle ciabatte e tirarti in piedi, non ho mica tempo da perdere con i pigroni io”

Ma cosa? Spalanco gli occhi, mi giro e guardo con la coda dell’occhio…no, è ancora lì.
“Cosa….cosa, anzi chi diamine sei? Sono diventato matto? Sto sognando o cosa?”
“Ma no stupido, non sei diventato matto e nient altro, sei sveglissimo o almeno dovresti esserlo…Tieni facciamo in due minuti, aferra questa pergamena e firma qui, così poi ho il certificato di averti detto tutto”.

Lo guardo in modo strano…ok…se non sono impazzito…Afferro la pergamena e leggo e un attestato di garanzia per il cosetto…

“ma senti un po’ coso…che mi devi dire?”
“Oh inanzi tutto non mi chiamo “coso” ma sono un mazzamurello…E secondo sono un incaricato del popolo sidhe per portarti una notizia da un tuo lontano parente defunto”
“Mazzamurello…ok..piccolo ometto fiabesco dimmi pure…chi è questo parente?”
“…..”
“Beh? Ti ho forse offeso? Scusa…però parla che tu hai fretta e io ho sonno e questo sogno è davvero strano”
“….NON E’ UN SOGNO. Vabbè, vengo dall’Inghilterra del 800 e Sir mascard ci teneva a far sapere al suo 34 bisnipote che nella 4 piastrella del 2 piano della casa che ti hanno lasciato in eredità c’è un importante oggetto che ti assicurerà una vita agiata e non da barbone, fine messaggio”
“ah…Bene…Ci guarderò visto che domani mattina ci vado…beh graz…ma? boh…Io l’ho detto sto impazzendo..”
Torno lentamente a letto, se ne riparlerà domani mattina.

———————————————————————————————————————-
“Detto – fatto. Forse pensava che potessimo essere amici ma sono obbligato a sparire e che lui pensa quello che gli pare, sogno, illusione o cosa sia sia.”
Missione compiuta mio caro e ora verso il 400 per un’altro incarico!!!

———————————————————————————————————————-

Il Mazzamurello appartiene a quello che viene definito “Piccolo Popolo” (Sidhe, secondo la dizione gaelica), ossia l’insieme delle creature fatate (o creature intermedie) che compongono l’immaginario fiabesco delle tradizioni popolari.
Può considerarsi la versione italica del Robin Goodfellow gallese, chiamato Pwca e reso celebre da William Shakespeare in Sogno di una notte di mezza estate.
L’etimologia del nome di questo folletto viene fatta derivare popolarmente proprio dai termini “mazza” (colpo) e “murello” (mura), per indicare la sua abitudine di battere contro le mura di una casa per manifestarsi. In ogni caso, secondo la tradizione fiabesca popolare, la presenza di un Mazzamurello in casa indica la prossimità di un tesoro, un pericolo imminente per uno degli abitanti o (più spesso) un messaggio di un caro defunto che cerca di comunicare con i vivi.
I Mazzamurelli sono infatti tradizionalmente considerati quali messaggeri tra il mondo ordinario e il mondo incantato, ovvero tra il mondo terreno e il mondo
dell’aldilà.

Ed è proprio su questo che ho basato il piccolo racconto che ho inventato qui sopra! E voi che ne pensate?? Dicono sia appartenente a Marche e Abruzzo, qualcuno lo ha

mai sentito nominare?

A – fruttidiboscoblog