Il giardino degli abbracci

0
224

Il giardino degli abbracci

Tutte dovremmo scoprirle le strade
che portano all’ incontro con le porte
e ad ogni bivio schiudono alla luce

Qualcuno ostenta proprie differenze,
raccolte nella polvere dei luoghi
dell’abbandono delle intelligenze.

E ci vorranno scope e strofinacci
per una pulitura a fondo e canti
a rendere le stanze più accoglienti

con vista sul giardino degli abbracci
verso un mare rotondo che confonda
albe e tramonti, spazi e le frontiere

Gianfranco Isetta