Il destino di Gandalf: omaggio a Ian Holm, Sean Connery e Gigi Proietti

0
326

Lo scorso anno, così funestato dall’imperversare della piaga del COVID,  è anche segnato dalla scomparsa di numerosi personaggi della letteratura, della TV e dello spettacolo. Questo articolo è dedicato un po’ a tutti loro.

Uno dei primi ad andarsene, il 16 gennaio, è stato Cristopher Tolkien, figlio dell’autore di quella che ad oggi può essere definita la più celebre saga fantasy della storia.

Negli ultimi tempi abbiamo assistito alla scomparsa di altri tre celebri attori che, in un modo nell’altro, sono legati all’immortale saga.

Il 19 giugno è stata la volta del britannico Ian Holm, 88 anni, che nell’adattamento di Peter Jackson interpretava l’anziano hobbit Bilbo Baggins, grande amico dello stregone Gandalf. Tra le numerose opere cui l’attore ha preso parte ricordiamo l’”Enrico V” e il “Frankenstein di Mary Shelley” di Kenneth Branagh, l’”Amleto” e lo sceneggiato “Gesù di Nazareth” di Franco Zeffirelli.

A pochi giorni di distanza, rispettivamente il 31 ottobre e il 2 novembre, ci lasciavano Sean Connery e Gigi Proietti.

Vi starete chiedendo che legame possa esservi tra lo scozzese Sean Connery e “Il Signore degli Anelli”: molti non sanno che la parte di Gandalf, poi ricoperta dall’altrettanto bravo Ian McKellen, era stata inizialmente offerta proprio a Sean.  Holm e Connery avevano entrambi recitato in almeno un film: “Robin & Marian”, adattamento della famosa leggenda, interpretando rispettivamente  il principe Giovanni e l’eroe-bandito Robin.

Altro personaggio legato allo stregone grigio è Gigi Proietti, il quale ha prestato la voce nel doppiaggio italiano della trilogia de “lo Hobbit”, sostituendo la voce del compianto Gianni Musy (scomparso nel 2011), il quale aveva doppiato il medesimo personaggio nella trilogia principale.

Oltre a recitare in vari film e serie TV, Gigi aveva prestato la voce a numerosi altri personaggi, tra i quali non possiamo dimenticare il Genio della lampada in Aladdin e il gatto Silvestro.

Non mi resta che porgere l’ultimo saluto a Ian, Sean e Gigi, con la viva speranza di incontrarli di nuovo nelle Terre Immortali.

“Addio,  miei coraggiosi hobbit, La mia opera è terminata; qui, infine, sulle rive del mare, si scioglie la nostra compagnia. Non vi dirò “Non piangete”… perché non tutte le lacrime sono un male!” (Gandalf, Il Signore degli Anelli, il Ritorno del Re)

Luca Varinelli

Seguimi qui: ilvarodelcapovaro.wordpress.com