I corvi e i mozziconi di sigarette

0
119

Le emergenze ambientali sono tante, ma per fortuna ci sono tante idee messe in atto per risolverle. Tempo fa ho letto di una startup olandese che si è ingegnata per provare a risolvere l’annoso problema delle cicche di sigarette.

Qui si tratta più di inciviltà che di questione ambientale, ma la cosa va comunque risolta per evitare che certe aree delle nostre città e certi marciapiedi si trasformino in cimiteri di sigarette spente.

Un’idea sviluppara in Olanda sta nello sfruttare i nostri compagni di vita su questa terra, gli animali. In questo caso i tanto bistrattati corvi. L’idea ha una base di follia, ma spesso la follia porta lontano e in un certo senso anche qui sembra avere efficacia. La startup ha ideato un macchinario intelligente, che addestra i corvi a “cacciare” e raccogliere i mozziconi. 

Sono così, come spesso accade, gli animali a darci una mano per risolvere un problema da noi stessi causato, dalla nostra inciviltà e dal nostro menefreghismo. Nemmeno le ventilate multe hanno disincentivato questa pratica, non solo qui in Italia ma anche negli altri paesi europei.

Anche un paese solitamente virtuoso come l’Olanda ha a che fare con questo problema. Parchi, strade, spiagge, città riempite di cicche di di sigaretta. E proprio qui una startup, chiamata Crowbar ha pensato e ideato questa macchina intelligente che addestra i corvi con l’obiettivo di raccogliere più mozziconi possibili dalla strada. 

Ruben van der Vleuten e Bob Spikman, stanchi di vedere i parchi di Amsterdam pieni di cicche di sigarette hanno dapprima iniziato a pensare a come fosse possibile eliminarle. Serviva qualcuno o qualcosa in grando di infilarsi anche negli angoli più angusti della città.

Prima han pensato al classico robot ma non poteva funzionare. Così sono arrivati a concepire l’idea che un aiuto poteva venire dall’alto. I piccioni son stati i primi a venire in mente al duo olandese, ma hanno dimostrato poca intelligenza e molta difficoltà ad apprendere gli insegnamenti.

Discorso diverso per il corvo, più avvezzo a recepire gli insegnamenti e pronto a trasformarsi in un perfetto spazzino e dare vita ad un ecosistema intelligente.

Così è nata Crowbar, macchina che che addestra e ricompensa i corvi che raccolgono le cicche in cambio, ovviamente, di cibo.

Il tutto si svolge in 4 fasi attraverso cui il corvo, riponendo le cicche nelle apposite scatole, riceve in premio delle arachidi.

Il tutto sfruttando un idea già esistente, la Crow Box di Joshua Klein, che ha ideato un distributore automatico pet corvi, con lo scopo di allenare i volatili a raccogliere gli oggetti e ripotarli in cambio di un premio alimentare.

Queste Crowbar sono a bassissimo impatto, sono economiche e semplici e i risultati in termini di pulizia sono sorprendenti.

Certo sarebbe molto meglio un po’ di senso civico in più e non ci sarebbe bisogno di ricorrere a questi stratagemmi, ricordiamoci che siamo ospiti su questa terra e come tali dobbiamo comportarci, gettando i rifiuti negli appositi contenitori e preoccupandoci sempre anche degli altri e dell’ambiente.

D.L.

Lodame Servizi