Finale Xfactor 2019

0
236

A cura di Lorenzo Dati 

Giunti alla finale di una delle edizioni più deludenti del format in versione italiana, siamo curiosi di vedere l’epilogo. La puntata si apre con i protagonisti, che prima si cimentano in Ordinary Word dei Duran Duran, ad uno ad uno e poi in coro, con qualche stonatura qua e là, nulla di nuovo.

Poi Catellan canta con Robin Williams, che da solo riaccende il palco, trascinando, solo con la sua presenza, pubblico e ragazzi.

Poi ecco la presentazione dei 4 giudici, degli ospiti (Robin Williams, Ultimo) e i 4 finalisti che dovranno confrontarsi tra loro; prima duettando con Robin Williams in una sua canzone, poi con i loro inediti.

Si parte con Sofia Tornabene. Is The One il pezzo. Parte bassa Sofia..un po’ troppo, ma forse fa bene. Poi ecco Robin. Duetto un po’ sottotono, Sofia un po’ emozionata? Può essere…

I La Sierra partono gagliardi e continuano benone rappando su Supreme, sembra divertito anche Robin. Se la cavano.

I Booda carichi anche loro con un pezzo più su ritmi rock come Kids (che Williams canta con Kilye Minogue). Bene direi, reggono bene il confronto con la Minogue. I migliori.

Davide Rossi. Ecco il lentone Feel con un esibizione più classica in cui Davide mantiene il suo stile comportandosi discretamente.

Poi spazio a Robin Williams col pezzone Angel.

Si riparte dopo lo “spottone” delle 9.40:

Arriva l’altro ospite: Ultimo, che canta in romanesco. Bella voce per un lento malinconico e poi “Pianeti”, “Ti dedico il silenzio” e altri suoi pezzi in una serie al pianoforte da protagonista. Un piacere per tutti i suoi fans.

Dopo di che un sunto della stagione Xfactor di Mara Maionchi, rimasta senza concorrenti. 

Il televoto per la manche in duetto con Robin Williams dà ragione ai La Sierra, a Sofia (e qui resto sorpreso) e ai Booda escludendo Davide Rossi a mio modo di vedere meglio di Sofia nel duetto. Dunque anche Malika resta senza concorrenti.

La seconda manche è un “best of” della stagione da parte di ognuno dei tre concorrenti rimasti.

Si parte coi Booda, concorrenti di Samuel, vero dominatore di questa edizione. Super prestazione di carisma, con la consueta grinta della cantante in una serie un po elecromusic un po tribal in cui spicca la presenza e la voce della singer. Ottimi e potenti anche meglio del solito.

Sofia Tornabebene, concorrente rimasta di Sfera, unico antagonista di Samuel. Parte nella sua serie di best of. Prima Fix You dei Coldplay in cui mi convince molto più che nel duetto, cantando con delicatezza un pezzo non facile. Prosegue con Papaoutai di Stromae, bene anche qui. Poi C’est la vie di Achille Lauro. Molto delicata e centrata.

Infine i La Sierra con il loro percorso di best of. Si misurano col loro genere un po’ rap un po’ trap un po’ hip hop e se la cavano bene sguazzando nel loro mare. Bravi anche loro.

Ho apprezzato molto Sofia in questa manche ma al pubblico l’ardua sentenza. 

Intermezzo con ospite a sorpresa: Lous and the Yakuza e la loro Dilemme, poi il pubblico sceglie: In finale vanno Sofia e i Booda e salutano i La Sierra: il pubblico ha escluso coloro che si sono rivelati maggiormente legati ad un unico genere. Ma potranno avere un buon riscontro fuori da Xfactor.

Ultimo step è la finale tra i Booda e Sofia Tornabene che si confronteranno sugli inediti. Due buoni concorrenti in finale, nonostante una stagione sottotono tra giudici e cantanti rispetto ad altre. La competenza e la misura di Malika e Samuel non sono riusciti a rimpiazzare gente del calibro di Morgan, Mika, Ventura, Agnelli, Skin, Elio solo per citarne alcuni, perlomeno come “presenza”

La stessa qualità dei concorrenti è risultata un po’ inferiore rispetto ad altre edizioni, ma tant’è. 

Cominciano i Booda. Samuel insiste col binomio Booda-jungla e li presenta.

Inedito particolare ben svolto con un pezzo tutta grinta e ritmo che conferma la bravura del gruppo.Resta da capire quanto possa attecchire tra il pubblico, ma questo lo scopriremo vivendo.

Infine Sofia col suo singolo, molto, molto più classico in pieno stile romantico italiano, con un tocco di nostalgia che nella vecchia Italia non guasta mai. Classico il pezzo, reso però originale dal tono delicato molto riconoscibile di Sofia.

Ore 23:25, dico: Probabile quest’ultima venga premiata così a naso..ci beccherò? L’inedito si fa preferire ma i Booda sono una ventata di aria fresca auspicabile. La rivincita dei Maneskin sul Licitra di turno non sarebbe male…

Risultato: Vince Sofia Tornabene, poco coraggio nel genere musicale, tendente al “sanremese”ma vittoria meritata per la giovane. Il pubblico ha scelto.

Vedremo il prossimo anno se il format riuscirà a riprendere vigore dopo una stagione un po’ così così.

L.D.

Foto tratta da pagina Xfactor Italia