Falene

0
165

Falene
Tutto finisce come comincia
Dal buio un lampo di luce
Dalla luce alla penombra
L’anima vive in penombra
È quasi una certezza
Sentimenti antichi strisciano lungo i bordi della modernità.
Ma se il dolore avesse un tempo, sarebbe eterno
Vittime e carnefici si scambiano ruolo ciascuno porta la sua parte
ciascuno cova il suo dolore.
Ho asciugato i miei occhi
dalle tue lacrime e non ho capito.

Era inverno, ora è quasi estate,
cosa è mancato per poter fiorire
come fanno le stupide tuberose?
Toccammo il cielo una notte d’inverno.
Passava l’anno.
Passavamo anche noi,
senza essere visti.
Senza esserci visti.
Temevamo i semi in tasca,
I passaporti nascosti.

SM TDR 14/05/22